Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | «Pascua» come te vòi – Di Cornelio Galas

«Pascua» come te vòi – Di Cornelio Galas

Na ròba che no ho mai capì l'è perché Pascua la vèi semper de doménega…

El so, Pasqua se scrive co la «qu». La scrivo apòsta co la «ci» perché a so’ temp, ale elementari, la maestra Laura (pòra dona, quante ghe n'avém fàt), la m'aveva dàt en castigo propri perché m'ero sbaglià: scriver zento volte (m'aveva aiutà i méi perchè savévo contar solo fim a dése) Pasqua co la «qu».
Na ròba che no ho mai capì – anca se tanti i ha zercà de spiegarmela – l'è perché Pascua la vèi semper de doménega.
Va bèm la luna, l'equinozio, che no la pòl vegnir dopo el ventizinque de april e prima del vintidó de marz. Gh'è la Pasqua bàssa: fim al do de april.
Quéla media fim al trédese de april. Quela alta, dal quatòrdese al vintizinque de april.
 
E tut mal, a diferenza del Nadàl, che 'l pòl vegnir anca de lùni, per dir così te ghe tàchi pònti e ferie varie, Pascua, vòltela e rivòltela come na fortàia, la casca propri de domenega. Bisogna fàrs'en na resòm.
Ma gh'è altre robe che fà pù de nà fìza a propòsit de Pascua. Scominziém con quel déto: Nadàl coi tòi e Pascua con chi te vòi.
Gnent de pu fals. Almém fin quando i tói no i deventa vèci.
Che alora vot no passàr la Pascua con lóri? E prima ancora gh'è i suoceri: «'sa fé a Pascua st'am? Vegniré bèm a magnar con noi neh...».
 
A Pascua, se sa, la và de òvi. Pu grandi i è - se pensa semper - e pu bèla l'è la sorpresa. Po' te te scòrzi che ala fim fim gh'è dénter la solita batarìa de plastica, magari che vèi da la Cina. Che sùbit te devi tirarghe via da la bòca del bocia... prima che 'l se stofega.
Pascua l'è la resurezióm dei morti. Me som semper domandà se l'è propri vera. Ma soratut gò en dùbi, gross come na casa: «Quel che, prima de morir l'era en bastardo, quando el redeventa vif saràlo gualìf?»
 
Dopo Pascua gh'è la Pascuéta (semper de lùni, cramento) en dove te fai el giro for da la porta.
Osc'ia, almém che no te abiti en tenda, 'l so anca mi che per nar fora de cà te devi girar el marlòss de la porta... e serartela drìo la schena.
Anca per el fato che se no te te tiri la porta drio, oltre al giro d'aria, pol darse che qualcheduni vegnù fòra da so cà (o dala so tenda) el vaga dénter ne la to cà a robar quel che te gài.
E alóra olter a l'aria podrìa girar anca i to òvi...
 
Finìsso co n'altro dubi che me porto drìo da quando névo a catechismo: Giuda l'ha tradì Cristo per trenta soldi.
Bòm. Dopo el gà pensà sù. E l'è nà a empicarse.
Bom. Ma quei trenta soldi chi èlo che l'ha tirài sù da tera?
E cossa àlo fat con quei soldi? Le «Glorie» de Pascua col vim sant?
Zèrto che sì. E l'è stà anca contént... come na Pascua.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone