Home | Interno | L’integrazione del senegalese Mohamed e del maliano Moussa

L’integrazione del senegalese Mohamed e del maliano Moussa

Sono una decina gli immigrati che hanno trovato inserimento in strutture economiche trentine

image
Si chiama Mohamed Konigra, ha 26 anni ed è originario del Senegal, da dove è scappato ed è venuto in Italia. Un viaggio terribile, paragonabile ai tragitti delle carovane che a metà ’800 attraversavano il West americano per raggiungere la Terra Promessa. Anche se è impossibile tracciare un paragone, possiamo dire che in entrambi i casi le probabilità di sopravvivenza erano un’incognita.
Visto che lo status di rifugiato per motivi umanitari gli consentiva di lavorare, il Cinformi, la struttura della Provincia autonoma di Trento che si occupa dell’immigrazione, ha proposto ad alcune aziende trentine la sua collaborazione, con alcuni vantaggi a supporto dell’iniziativa.
E il Mas dela Fam, il noto ristorante di Ravina, ha provato a inserirlo nel proprio ciclo produttivo. Dal 2015 lavora in cucina come aiuto cuoco.
«Funziona, – ci ha detto il titolare Luca Boscheri. – Non ne sapeva molto, ma ha una capacità di apprendimento eccezionale e svolge scrupolosamente quello che gli viene chiesto di fare.»
 
Si chiama Moussa, ha 29 anni ed è originario del Mali, da dove è scappato ed è venuto anche lui in Italia sulla rotta del Mediterraneo. È arrivato con 3.000 altri disperati che sono riusciti a raggiungere la sponda italiana dell’Europa.
Anche il suo status di rifugiato politico gli ha consentito di cercare un lavoro e il Cinformi lo ha aiutato proponendo ad alcune aziende trentine la sua collaborazione. Nel Mali faceva il contadino.
La cantina Endrizzi ha provato a inserirlo nel proprio ciclo produttivo. L’esperimento è andato bene e adesso è assunto a tempo indeterminato.
Insomma, la vita ha riservato anche a lui una seconda possibilità.
Sono una decina i rifugiati che finora si sono inseriti nelle realtà economiche trentine.
La percentuale è molto bassa, ma è certamente significativa di due fattori. Il primo è che se c’è una piccola possibilità, i Trentini provano a dare una mano.
Il secondo è che il Cinformi si conferma una struttura che opera in maniera professionalmente corretta e porta risultati anche in questa fase.
 
Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni