Home | Interno | Rovereto | Niente casetta dell’APT a Borgo Sacco di Rovereto

Niente casetta dell’APT a Borgo Sacco di Rovereto

«Sembra l’ennesimo episodio col quale Rovereto si è procurata il male da sola»

Le cronache roveretane di questi giorni ci parlano di un tempestivo e inaspettato intervento del Sindaco Francesco Valduga per bloccare d’imperio l’allestimento di una casetta in legno per conto dell’Azienda di Promozione Turistica di Rovereto e della Vallagarina a Borgo Sacco, accanto alla storica torre civica.
Secondo altri giornali, il Sindaco ha ritenuto incompatibile quel posto per aspetti legati soprattutto all’architettura degli immobili circostanti, all’estetica della casetta stessa e al venir meno di alcuni parcheggi (due...).
Tutto questo dopo ripetuti sopralluoghi, dopo che un paio di Assessori comunali avevano dato il loro benestare e che gli uffici comunali preposti avevano rilasciato via mail l’autorizzazione necessaria.
Stando così le cose, il direttore dell’APT aveva proceduto comprensibilmente all’installazione della casetta.
 
Lo scopo primario della casetta turistico-informativ,a lì in Piazza Fabio Filzi a Borgo Sacco, era chiaramente quello di catturare la preziosa attenzione delle centinaia (c’è chi parla di migliaia) di turisti in bicicletta, che ormai da anni percorrono la pista ciclabile lungo l’Adige, per dirigersi sul lago di Garda o persino verso Verona.
Il turismo in bicicletta, come da molti anni succede in Austria, Germania, Olanda e Francia, anche in Italia sta diventando una modalità in forte crescita.
Così lo è anche per la nostra Rovereto, Città della Pace ma pure Città Turistica.
Il posizionamento lì a Borgo Sacco era stato ben studiato e ben valutato dalla nostra APT in termini di marketing turistico.
Avrebbe costituito un forte richiamo anche per lo stesso Borgo Sacco: pensiamo ai bar, ai ristoranti, alle gelaterie, ai negozi, ai b&b che su quella piazza o lì vicino vi sono.
 
Ma da lì, percorrendo viale Vittoria verso il centro città, le ricadute sarebbero state altre e non poche. Insomma, ritengo che dalla casetta posizionata lì in piazza Borgo Sacco avrebbe ricavato un più che egregio beneficio, sia come attività economiche che come comunità.
Penso a una simile operazione promossa in qualsiasi piazza dell’Alto Adige, territorio che - quello sì - sa molto bene richiamare e valorizzare il ciclo-turismo.
Ritengo che la casetta sarebbe stata posizionata senza alcuna difficoltà. Basti andare, ad esempio, nei paesi lungo la val Pusteria.
In conclusione, sembra di essere innanzi all’ennesimo episodio col quale Rovereto si è procurata del male da sola.
Mi auguro ci siano intelligenza e buon senso per rimediare e per far sì che la nostra città sappia meglio «giocare» di squadra e meglio mostrare le sue esclusive bellezze.
 
Paolo Farinati

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Adriano 20/04/2017
Chi scende in bici dal Nord Europa è già informato ed organizzato per conto proprio, non ha certo bisogno di appoggiarsi alla casetta. Quelli che viaggiano con accompagnatore hanno gia tutto prenotato. Per tutti gli altri, trovare una gelateria appena si arriva a Borgo Sacco non è certo un problema. Il mio consiglio e di tenere invece più pulito da cartacce specie come sotto la torretta di B. Sacco che spesso in estate ne è piena e non solo li.
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone