Home | Interno | Cronaca | Trento: il rapinatore impaziente o sconvolto dal dubbio

Trento: il rapinatore impaziente o sconvolto dal dubbio

È entrato nell’Ufficio postale di Cognola, ha intimato di consegnargli i soldi, ma poi è scappato prima di prenderli

Una rapina sui generis (peraltro vera, non impropria) quella avvenuta poco dopo mezzogiorno a Cognola.
Un rapinatore, con il volto travisato da una mascherina e un caschetto, è entrato nell’ufficio postale e ha presentato alla cassiera un biglietto nel quale c’era scritto che non parlava italiano, che non avrebbe fatto del male, ma che voleva i soldi.
La cassiera si è comportata da impiegata professionista e gli ha spiegato che ci voleva il suo tempo.
Il rapinatore ha protestato ripetendo a voce la frase scritta sul biglietto, ma poi, vedendo che la cassiera ci metteva troppo, ha desistito e se ne è andato di corsa a piedi.
Ovviamente l’impiegata ha chiamato il 112 e i Carabinieri si sono fiondati sul posto.
Al momento non lo hanno preso, ma dicono di essere sulle sue tracce.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone