Home | Esteri | Europa | «Siamo Europa» chiude in piazza Fiera con oltre 1.200 visitatori

«Siamo Europa» chiude in piazza Fiera con oltre 1.200 visitatori

Ultimo dibattito: «Ungheria e Polonia devono adeguarsi a fondamentali principi di libertà»

image

>
Una nuova Europa nella quale ci sia una convivenza tra le istituzioni sovranazionali e le democrazie nazionali.
Il politologo Sergio Fabbrini chiude la prima edizione di #siamoeuropa assieme allo storico Michele Marchi proponendo un’Europa che riparte da un accordo fra Stati che assieme decidono quali politiche attuare congiuntamente.
«Siamo Europa», festival dedicato alle politiche europee ideato dal Servizio Europa della Provincia e dalla Fondazione Trentina Alcide Degasperi, per tre giorni ha animato il dibattito pubblico a Trento coinvolgendo anche istituti scolastici e ricercatori universitari.
 
«A Trento – ha esordito Fabbrini – c’è costantemente un grande impegno a discutere di questioni europee, dimostrando una ricchezza del dibattito culturale.»
Marchi, storico dell’Università di Bologna, si è soffermato su una Francia ferita e divisa in seguito al ballottaggio del 7 maggio che ha portato Emanuel Macron alla presidenza.
«Ci sono stati 12 milioni di astenuti, 3 milioni di schede bianche e 1 milione di schede nulle.
Solo il 16% di chi ha votato Macron al ballottaggio era d’accordo con il suo programma. Le elezioni parlamentari francesi dell’11 e 18 giugno saranno incerte, anche perché i neogollisti vogliono una rivincita.
«Un’eventuale grande coalizione sarebbe una novità all’interno del sistema politico francese.»
 
Nel racconto storico dei rapporti tra Francia e Germania Fabbrini ha sottolineato come spesso le battute d’arresto ai processi di integrazione europea siano dovute a meccanismi di politica interna.
A partire dal 1954 «quando l’Assemblea nazionale francese votò contro la Comunità europea di difesa. I francesi scelsero l’Euro anche per poter condizionare dall’interno la Germania.
«Si è creata la moneta, ma non una politica economica».
 
Fabbrini si è soffermato sul fatto che l’Europa oggi non abbia bisogno di guerre commerciali, ma debba far sì che «paesi membri come Ungheria e Polonia si adeguino a fondamentali principi di libertà.
«Si è andati troppo avanti nella regolamentazione da parte di Bruxelles; dobbiamo tornare al 1954 pensando a difendere noi stessi visto l’attuale inquilino della Casa Bianca a Washington.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone