Home | Interno | A Canazei il primo corso di formazione di #Dolomitesvives

A Canazei il primo corso di formazione di #Dolomitesvives

Avviato il 13 maggio il ciclo formativo per guide alpine e accompagnatori a cura della Fondazione Dolomiti Unesco con Rete delle Riserve di Fassa, Muse, Tsm e Step

image

>
Con partecipazione e interesse il 13 maggio, nella sala consiliare del municipio di Canazei, ha preso il via il corso di formazione di #Dolomitesvives, progetto del «Tavolo interprovinciale per i passi dolomitici» - di cui fanno parte oltre alle Province di Trento e Bolzano, il Comun Generel de Fascia i comuni di Canazei e Selva Val Gardena, e i vertici di Apt Val di Fassa e delle associazioni turistiche Gardena e Alta Badia – per favorire la conoscenza, la valorizzazione e la fruizione sostenibile del territorio.
Il Tavolo promuove, per l’estate, nove giornate – ogni mercoledì di luglio e agosto - di accesso sostenibile al Passo Sella, con intrattenimento e attività di divulgazione e visite guidate.

In questo contesto si colloca il corso dedicato a guide alpine e accompagnatori del territorio delle valli di Fassa, Gardena e Badia, curata da Fondazione Dolomiti Unesco in collaborazione con la Rete delle Riserve di Fassa che ha come capofila il Comun general, Muse, Trentino School of Management e Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio, che prevede una giornata di formazione teorica e un’uscita sul territorio.
«Al corso - dice Mara Nemela, coordinatrice della Rete delle Riserve di Fassa e responsabile dell’Ufficio tecnico del Comun general de Fascia - si sono iscritte quasi una trentina tra guide alpine e accompagnatori del territorio non solo di Fassa, Gardena e Badia. Si tratta di un’iniziativa significativa, perché questi professionisti sono tra le figure privilegiate a comunicare il territorio dolomitico.»
 
Il primo incontro è stato aperto da Marcella Morandini, direttrice della Fondazione Dolomiti Unesco che ha illustrato, la storia della candidatura, i diversi territori del Sito dolomitico e la Rete delle Riserve di Fassa.
Sono seguiti gli interventi dei consulenti scientifici della Fondazione Piero Gianolla, geologo dell’Università di Ferrara, e Cesare Micheletti, architetto.
Gli esperti del Muse Paolo Ferretti, Massimo Bernardi e Riccardo Tomasoni hanno invece spiegato come comunicare e valorizzare questo Patrimonio attraverso tre itinerari geoturistici.
Il 28 maggio ci sarà, quindi, l’escursione sul Sella con Piero Gianolla Paolo Ferretti, Massimo Bernardi e Riccardo Tomasoni che forniranno sul campo le migliori chiavi di lettura del paesaggio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone