Home | Interno | A Canazei il primo corso di formazione di #Dolomitesvives

A Canazei il primo corso di formazione di #Dolomitesvives

Avviato il 13 maggio il ciclo formativo per guide alpine e accompagnatori a cura della Fondazione Dolomiti Unesco con Rete delle Riserve di Fassa, Muse, Tsm e Step

image

>
Con partecipazione e interesse il 13 maggio, nella sala consiliare del municipio di Canazei, ha preso il via il corso di formazione di #Dolomitesvives, progetto del «Tavolo interprovinciale per i passi dolomitici» - di cui fanno parte oltre alle Province di Trento e Bolzano, il Comun Generel de Fascia i comuni di Canazei e Selva Val Gardena, e i vertici di Apt Val di Fassa e delle associazioni turistiche Gardena e Alta Badia – per favorire la conoscenza, la valorizzazione e la fruizione sostenibile del territorio.
Il Tavolo promuove, per l’estate, nove giornate – ogni mercoledì di luglio e agosto - di accesso sostenibile al Passo Sella, con intrattenimento e attività di divulgazione e visite guidate.

In questo contesto si colloca il corso dedicato a guide alpine e accompagnatori del territorio delle valli di Fassa, Gardena e Badia, curata da Fondazione Dolomiti Unesco in collaborazione con la Rete delle Riserve di Fassa che ha come capofila il Comun general, Muse, Trentino School of Management e Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio, che prevede una giornata di formazione teorica e un’uscita sul territorio.
«Al corso - dice Mara Nemela, coordinatrice della Rete delle Riserve di Fassa e responsabile dell’Ufficio tecnico del Comun general de Fascia - si sono iscritte quasi una trentina tra guide alpine e accompagnatori del territorio non solo di Fassa, Gardena e Badia. Si tratta di un’iniziativa significativa, perché questi professionisti sono tra le figure privilegiate a comunicare il territorio dolomitico.»
 
Il primo incontro è stato aperto da Marcella Morandini, direttrice della Fondazione Dolomiti Unesco che ha illustrato, la storia della candidatura, i diversi territori del Sito dolomitico e la Rete delle Riserve di Fassa.
Sono seguiti gli interventi dei consulenti scientifici della Fondazione Piero Gianolla, geologo dell’Università di Ferrara, e Cesare Micheletti, architetto.
Gli esperti del Muse Paolo Ferretti, Massimo Bernardi e Riccardo Tomasoni hanno invece spiegato come comunicare e valorizzare questo Patrimonio attraverso tre itinerari geoturistici.
Il 28 maggio ci sarà, quindi, l’escursione sul Sella con Piero Gianolla Paolo Ferretti, Massimo Bernardi e Riccardo Tomasoni che forniranno sul campo le migliori chiavi di lettura del paesaggio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone