Home | Sport | Basket | Strepitosa Dolomiti Energia, vince 69-75 a Sassari: è semifinale!

Strepitosa Dolomiti Energia, vince 69-75 a Sassari: è semifinale!

Trascinati da un terzo quarto stellare di Beto, da un Forray eroico e da Flaccadori, Craft e Hogue, i trentini passano al PalaSerradimigni – Semifinali il 25 maggio

image

>
Nel giorno della centesima gara del club in A, la Dolomiti Energia riesce nell'ennesima impresa della sua storia conquistando la Semifinale Scudetto grazie al 69-75 con cui passa al PalaSerradimigni chiudendo per 3-0 la serie contro Sassari.
A trascinare i bianconeri al terzo successo in fila sul Banco di Sardegna, manco a dirlo, un'altra prestazione eroica di capitan Toto Forray, che giunto proprio come la squadra di cui è l'anima alla centesima in A, manda a referto 13 punti, 6 dei quali in un ultimo periodo in cui assieme ad Aaron Craft (12 finali) domina il confronto diretto con i temutissimi Bell (5) e Stipcevic (11, ma tutti nel primo tempo).
Parlare della vittoria bianconera in gara 3 senza citare le scorribande di un Flaccadori sempre più maturo (11), la solidità di Hogue (9 punti e 8 rimbalzi) e soprattutto l'incredibile terzo quarto di un Beto sensazionale (che mette 14 dei suoi 16 punti proprio nella terza frazione, accompagnandoli pure con 10 rimbalzi) sarebbe però decisamente ingiusto.
Così come lo sarebbe non rendere l'onore delle armi ad una Sassari che sospinta da un pubblico meraviglioso ha provato fino alla fine a tener testa ai ragazzi allenati da Maurizio Buscaglia grazie a un Lacey da 15 punti.
 

 
 La cronaca 
Neanche il tempo di alzare la palla a due e subito si scatena una battaglia di selvaggia intensità in un PalaSerradimigni che definire rovente sarebbe un eufemismo.
Trento prova a scappare via con Hogue (7 nel quarto) e Shields, anche se sono due triple di Flaccadori, entrato in campo dopo il secondo fallo dell'ex Francoforte, a lanciare gli aquilotti sul 7-13.
Sassari, che pure insiste molto sul post basso di Lydeka (3) e Lawal (6), deve quindi affidarsi a una fiammata di Stipcevic (7) per ricucire lo strappo: al 10' è 21-21.
 
Incassata la raffica del play croato (che comunque con le sue penetrazioni continua a far male agli aquilotti arrivando a 11 personali), Trento torna a fare la partita ancorandosi al gran lavoro nel pitturato di Lechthaler e alla lucidità di Forray (6): al 15' è 27-32 Aquila, ma a frenare il secondo tentativo di fuga bianconera sono il terzo fallo di Sutton prima e quello di Hogue poi.
Con i primi acuti di Lacey e Bell (3 a testa) il Banco di Sardegna riesce così a finire bene il secondo quarto, andando all'intervallo sul più 2 (36-34).
 
Di rientro dagli spogliatoi, Beto alza subito il volume della radio con una gran schiacciata in testa a Lawal, prima che Sassari provi ad andar via con il post basso di Savanovic e la tripla di Carter (45-41).
Beto però ormai è nella partita, e come già fatto nei precedenti episodi della serie inizia a sommergere i biancoazzurri sotto una pioggia di tiri dall'arco (4/4 nel periodo) mandando a scena un sensazionale duello a distanza con un Lacey altrettanto on fire con le sue soluzioni in uno contro uno.
Al 30' è 55-56 con 10 nel parziale per l'ex Pesaro.
 
Dopo essersi prodotta in un quarto di spumeggiante basket offensivo, per Trento è il momento di tornare alla sua identità di strepitosa squadra difensiva.
Forray aggiunge ai recuperi (2) anche 6 punti in fila che aprono la forbice tra i due team (57-64 al 34'), mentre un Craft tanto concentrato quando intenso conclude il lavoro assistito da un Sutton sempre utile anche se piuttosto pasticcione (2/11 dal campo e 4 perse).
Finisce 69-75 con il PalaSerradimigni a salutare con meritatissimi applausi tanto i propri beniamini quanto i ragazzi allenati da Maurizio Buscaglia, che avranno ora a disposizione qualche giorno per recuperare energie in vista di una serie di semifinale destinata ad iniziare giovedì 25 maggio contro la vincente del quarto di finale tra Milano e Capo d'Orlando (serie sul 2-1 per l'EA7).
 

 
 BANCO DI SARDEGNA SASSARI - DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 69-75 
(21-21, 36-34, 55-56)
 
BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Bell 5 (1/5, 1/6), Devecchi 1, D'Ercole, Sacchetti 5 (2/3, 0/2), Lydeka 5 (2/3), Savanovic 8 (3/7), Lacey 15 (6/8, 0/3), Stipcevic 11 (4/9, 1/6), Lawal 11 (3/5), Carter 8 (1/2, 2/8), Monaldi ne, Ebeling ne. Coach: Pasquini
DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: Craft 12 (4/11, 0/3), Forray 13 (3/8, 1/3), Flaccadori 11 (1/1, 3/5), Gomes 16 (2/3, 4/7), Hogue 9 (4/6), Sutton 7 (2/10, 0/1), Lechthaler 1 (0/2), Lovisotto ne, Conti ne, Shields 6 (0/3, 1/2). Coach: Buscaglia
NOTE: Tiri liberi: Sassari 13/18, Trentino 16/25. Tiri da due: Sassari 22/42, Trentino 16/44. Tiri da tre: Sassari 4/25, Trentino 9/21. Rimbalzi: Sassari 39 (Sacchetti 8), Trentino 42 (Gomes 10). Assist: Sassari 10 (Savanovic 4), Trentino 16 (Craft 6).
 
 TOTO FORRAY 
Play Dolomiti Energia Trentino.
«È stata una ottima partita, Sassari ha iniziato davvero aggressiva e noi siamo stati a rimanere sempre lì, a contatto, e alla fine siamo riusciti a piazzare la zampata giusta al momento giusto.
«Il terzo quarto? E' stato importante, forse decisivo, perché siamo riusciti a restare in partita per poi piazzare l'allungo decisivo nell'ultimo periodo, dimostrando di avere la mentalità vincente che in queste circostanze ti permette di fare la differenza.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni