Home | Interno | Rovereto | Mostra Lino Volani: Quel che dicono i volti

Mostra Lino Volani: Quel che dicono i volti

A Palazzo Todeschi apre domenica 21 maggio la mostra fotografica a lui dedicata

image

A Palazzo Todeschi apre domenica 21 maggio la mostra fotografica dedicata a Lino Volani.
Nato a Rovereto nel 1949, Lino Volani inizia a soli quindici anni il lavoro di fotografo presso lo storico studio Fotomoderna Tarter Adriano.
La grande passione per il bianco e nero, la predilezione del medio formato, la continua ricerca per migliorare le tecniche di ripresa e stampa, unite a una grande sensibilità umana e artistica diventano i tratti salienti di una carriera fotografica di oltre quarant’anni.
Apprezzato professionista nella propria regione, Volani ottiene diversi riconoscimenti a livello non solo nazionale, fra cui il premio «Miglior ritratto dell’anno 1993» al concorso Kodak «Le stagioni del ritratto», e due European Portrait Gold Award.
Successivamente Volani sperimenta nuovi approcci fotografici legati al reportage, che si concretizzano nel lavoro monografico «Memorie - Cantina d’Isera», sulla coltivazione della vite nelle varie stagioni dell’anno e, soprattutto, sul rapporto uomo - territorio.
 
Presidente dell’Associazione culturale Paspartù, Volani ha lasciato un vastissimo archivio fotografico a documentazione di mezzo secolo di storia.
Scrive nella prefazione il critico d'arte Mario Cossali che Volani amava ritrarre con il suo obiettivo soprattutto le persone, i volti e i corpi nel loro più significativo ed espressivo portamento, nel classico bianco e nero che sa restituire la scorza dei giorni e del tempo, che non inganna la memoria e ci restituisce la pungente nostalgia dell’immagine.
«Lino Volani – conclude Cossali - era generoso e disponibile verso i colleghi e verso le associazioni culturali, collaborava volentieri a molte iniziative mettendo a disposizione anche il suo ricco archivio, era certo un fotografo nel senso antico del termine e si sentiva legato anche per questo alle radici della comunità. Aveva stretto amicizia con fotografi noti a livello nazionale, posso testimoniare di quella intensa e produttiva con Pino Ninfa. Con questa mostra lo ricordiamo con i suoi ritratti. Quelli legati al suo paese, quelli legati alla campagna e alla vendemmia, quelli legati alla vita quotidiana e ai momenti di posa in studio. Crediamo di ricordare un artista con la A maiuscola ed anche un bell’esempio di umanità.»
L'evento è curato dalla Comunità della Vallagarina e il Comune di Rovereto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone