Home | Esteri | Solidarietà internazionale | Centri di accoglienza: (finalmente) partite le ispezioni

Centri di accoglienza: (finalmente) partite le ispezioni

Lo riferisce al Question time il ministro Minniti – Stabilito anche il nuovo capitolato per le gare d'appalto – Proseguono le trattative con la Libia per fermare i flussi

«La vicenda di Isola Capo Rizzuto e le infiltrazioni mafiose nella gestione dell'accoglienza rappresentano una ferita per la civiltà del nostro Paese».
È chiaro il messaggio del ministro dell'Interno, Marco Minniti, che ha risposto oggi al Question time alla Camera sulle indagini che hanno portato agli arresti degli esponenti della cosca Arena disposti dalla Dda di Catanzaro.
Sul tema dei controlli per i centri di accoglienza, Minniti ha annunciato che «è partito nei giorni scorsi un piano di verifica delle strutture di accoglienza, che prevede 2.130 controlli e a marzo è stato predisposto il nuovo capitolato per le gare d'appalto, promosso insieme all'Anac, con il superamento del gestore unico, la tracciabilità dei servizi erogati, una maggiore attenzione alla qualita' dell'offerta ed il potenziamento dell'attività di controllo del ministero».
 
In più, Minniti ha reso noto di aver disposto l'immediato avvio di un'ispezione presso la prefettura di Crotone per le necessarie verifiche in via amministrativa; a tal fine è stato costituito un apposito nucleo ispettivo, coordinato dal prefetto di Catanzaro, che dovrà concludere i lavori entro 30 giorni». Al termine, la prefettura relazionerà il ministro su risultati.
Il ministro ha ribadito che «è inaccettabile che l'accoglienza possa diventare terreno per attività mafiose e corruttive. Saremo fermissimi su questo, secondo il principio che un grande Paese gestisce l'accoglienza rispettando i diritti umani e agendo con la massima trasparenza».
Sulla questione libica, poi, Minniti ha ricordato che la volontà dei principali attori libici è di riavviare un dialogo politico, che potrebbe garantire maggiore stabilità al paese con effetti positivi sulla prosecuzione della lotta al terrorismo e ai trafficanti di esseri umani».
 
Il ministro ha sottolineato, inoltre, che da parte italiana «c'è un importante sforzo sul fronte della sicurezza e del controllo dei confini sud dello Stato dai quali passa più del 90% dei flussi migratori diretti verso il nostro Paese. Ho incontrato due giorni fa a
Tripoli il primo ministro Serraj e il ministro dell'Interno, con i quali ho avuto un proficuo scambio di vedute sulle questioni di interesse comune, in particolare la cooperazione di sicurezza tra i due paesi e i mezzi per svilupparla anche attraverso la formazione tecnica di quadri libici specializzati nel controllo delle frontiere».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone