Home | Interno | Rovereto | Rovereto, presentata la nuova Via Dante: lavori al via il 12 giugno

Rovereto, presentata la nuova Via Dante: lavori al via il 12 giugno

Sarà alberata e destinata a tornare ad essere centrale nella vita cittadina, non un asse di transito

La riqualificazione di Via Dante a Rovereto è un'opera attesa, centrale nella programmazione della Giunta Valduga e destinata a restituirle la sua originaria bellezza.
Il cantiere creerà indubbiamente qualche rivoluzione alle abitudini dei roveretani e quindi una piccola rivoluzione alla viabilità cittadina vista la centralità della via sulla mobilità urbana, ma tutto è stato preparato con grande cura e attenzione.
Il sindaco Francesco Valduga ha inviato a ciascuno dei residenti una lettera - che stanno ricevendo in queste ore - in cui richiama il senso dell'operazione, con piantina, direzioni consigliate, e le modifiche che saranno introdotte in due fasi dal 24 maggio e poi dal 12 giugno ad avvio cantiere.
È necessaria infatti anche la comprensione e collaborazione da parte dei residenti per questo processo che comunque prenderà avvio a scuola chiuse e quindi con il 12 giugno.
 
«Le opere – ha spiegato Beppino Graziola, assessore ai Lavori Pubblici – prevedono una spesa complessiva per 645.000 euro per il primo stralcio (dall'imbocco di Via Dante a Via Cavour).
«Le procedure di appalto sono state avviate: la gara scade il 22 maggio quindi sapremo a breve chi si aggiudica i lavori tra le 20 ditte invitate, tutte provenienti dall'ambito trentino.
«Il criterio di aggiudicazione sarà quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa.»
L'assessore Graziola ha inquadrato storicamente l'asse viario ed ha specificato che l'intervento è improntato alla massima sobrietà e all'equilibro estetico.
«Sono valorizzati soprattutto gli spazi primariamente dedicati al passeggio e alla socializzazione e non alle auto, in sostanza alle relazioni che sono i filo conduttore di molte politiche di questa amministrazione» – ha detto Graziola, che ha sottolineato il lavoro portato avanti dal progettista ing. Giulio Andreolli e dal gruppo di lavoro appositamente costituito.
 
La nuova via Dante sarà alberata con piante di medio basso fusto che non abbiamo inconvenienti sia per fronde o apparati radicali a garanzia dei sottoservizi (a tal scopo ha lavorato un gruppo di lavoro che individuerà l'essenza più adatta).
La pavimentazione sarà a raso e in porfido e due fasce che delimitano gli ambiti (pedoni/bici/auto) in pietra chiara d'Istria.
È stato scelto porfido di provenienza trentina con cromatismo uniforme, il transito pedonale sarà arredato con sedute semicircolari disegnate ad hoc dal progettista con materiali destinati a resistere al tempo e all'usura, disposte «a corona» attorno agli alberi.
Graziola ha spiegato che alcuni motivi decorativi romboidali presenti su casa Tranquillini in via Canestrini sono stati di ispirazione per il progettista che li ha reiterpretati sulla sede stradale e ricreati dal posizionamento del porfido.
 
L'illuminazione sarà fornita da impianto sospeso di nuova concezione con luce molto morbida e diffusa con particolare attenzione ai dispositivi e alla loro sostenibilità green.
La sosta di biciclette sarà in largo Nazario Sauro e sul lato sud della scuola in via Cavour.
L'effetto sarà di una complessiva eleganza e gradevolezza: sarà insomma un vero boulevard.
«Siamo consavoli che quest'opera comporterà qualche disagio ma contiamo sulla collaborazione dei residenti» – ha concluso Graziola ricordando la collaborazione chiesta dal Sindaco ai residenti.
 
L'assessore alla mobilità Carlo Plotegher ha quindi spiegato le modifiche introdotte alla viabilità e tutti i passaggi che si sono resi necessari dalla comunicazione alle scuole (per gli interventi che scattano già il 24 maggio) e alle associazioni di categoria (per i commercianti per i quali è stata anche organizzata una riunione che si terrà il 22 maggio sera all'Urban Center di Rovereto).
Ha quindi illustrato le direzioni consigliate che sono le seguenti:
 
1. da viale dei Colli per Centro Storico:
 corso Rosmini, via Paoli, via Manzoni, via Tommaseo, c. Rosmini, via Fontana, via Tartarotti;
2. da viale dei Colli per stazione FFSS:
 c. Rosmini, via Paoli, via Manzoni, via Savioli, c. Rosmini, stazione FFSS;
3. da via Baratieri direzione Ospedale:
 via Paoli, via Manzoni, via Savioli, c. Rosmini, stazione FFSS, rotatoria via Craffonara;
4. da via Baratieri per Centro Storico:
  via Paoli, via Manzoni, via Tommaseo, c. Rosmini, via Fontana, via Tartarotti;
5. da via Baratieri per Park Follone:
  via Paoli, via Manzoni, via Savioli, c. Rosmini, rotatoria FFSS, via Cesari, via Saibanti;
6. da via Benacense per Centro città:
 via Circonvallazione, via Halbherr, via Saibanti, Park Follone;
Il parcheggio interrato di via Manzoni sarà gratuito per 2 ore di sosta.
 
Il vicecomandante della Polizia Locale, Gianni Pollo, che con la comandante Fiorella Passerini ed il corpo di vigili si troverà a gestire la non facile fase iniziale, ha segnalato che un punto critico potrebbe verificarsi in via Prima Armata.
«Confidiamo che sarà però un disagio limitato e dovuto inizialmente al cambio di abitudini”.
Si allegano le modifiche alla viabilità che decorreranno in due fasi: dal 24 maggio e dal 12 giugno cioè da inizio cantiere.
Era presente anche l'ing. Andrea Larcher che ha seguito tutti gli aspetti connessi con l'ordinanza che è stata emessa già oggi e ha fatto parte del gruppo di lavoro appositamente costituito e affiancato al progettista.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
adriano 26/05/2017
Non vi sembra che mettere una mappa sarebbe più comprensibile?

Risposta derlla redazione: Sì, ma il Comune non ce l'ha data e noi non siamo in grado di farla.
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone