Home | Sport | Calcio | La Roma saluta Pinzolo con una vittoria di misura (1-0)

La Roma saluta Pinzolo con una vittoria di misura (1-0)

Il giovane Sadiq porta al successo la squadra giallorossa contro l'Fc Slovacko – Fra i giallorossi brilla sulla fascia destra Bruno Peres, che ha propiziato il gol

image

>
Si è chiuso con la vittoria per 1 a 0 nell’amichevole con l’FC Slovácko il ritiro della Roma a Pinzolo, che per il terzo anno consecutivo ha ospitato i giallorossi.
Dopo l’8 a 0 inflitto martedì alla squadra locale dell’AC Pinzolo, Perotti e compagni hanno sostenuto un test più probante, opposti alla formazione che milita nella massima serie del campionato ceco e che, a differenza del club della capitale, ha iniziato la preparazione già da qualche settimana.
Il gol partita è stato del giovane nigeriano classe 1997 Sadiq, ottimamente imbeccato dal vivace Bruno Peres, uno dei migliori in campo.
Di Francesco ha riproposto la stessa formazione scesa in campo contro il Pinzolo, schierando un 4-3-3 con tanti giovani: Alisson tra i pali, Bruno Peres, Castan, Juan Jesus e Pellegrini a comporre il pacchetto arretrato, Ricci, il neoacquisto Gonalons e Gerson sulla mediana, quindi Cappa, Tumminello e Perotti (con la fascia di capitano al braccio) in avanti.
 
Quella vista in campo è stata una Roma propositiva, che ha cercato di giocare principalmente palla a terra, ma che, soprattutto nel primo tempo, ha faticato a trovare varchi nella difesa avversaria.
La prima occasione del match è arrivata al 9’, quando Castan ha commesso un errore in fase di disimpegno consentendo a un attaccante avversario di presentarsi a tu per tu con Alisson, provvidenziale nell’anticipo di piede in uscita.
I giallorossi hanno risposto cercando di affondare sulle fasce, con Perotti che al 19’ ha messo nelle condizioni di battere a rete di testa Tumminello, la cui conclusione è stata deviata in corner da un difensore ceco.
Poco dopo, invece, è stato bravo Hecia a respingere una conclusione di Bruno Peres, con Alisson autore di un altro buon intervento su Daniek sul ribaltamento di fronte.
Nel finale di primo tempo c’è stato spazio anche per un tentativo dalla distanza di Gonalons (palla a lato) e per un «numero» del giovane Pellegrini, che è uscito da una situazione complicata con veronica, dribbling e colpo di tacco.
 
Di Francesco ha operato quattro cambi in avvio di ripresa, togliendo Perottii, Ricci, Cappa e Castan, sostituiti da Vainqueur, Keba, Sadiq e Gyomber.
Il copione è rimasto quello dei primi 45 minuti, con il pallino del gioco in mano alla Roma. Tra i più attivi Bruno Peres, impegnato a spingere sulla fascia destra: il numero 13 giallorosso prima ha pescato Vainqueur sul secondo palo (il destro del francese scoccato dal vertice dell’area piccola ha però terminato la propria corsa sul fondo), poi ha propiziato il gol del vantaggio della Roma.
A siglarlo è stato Sadiq che, dopo aver chiamato all’intervento il portiere avversario con un tiro da posizione centrale, ha gonfiato la rete, ottimamente servito sul primo palo da Bruno Peres, bravo a chiudere un bel triangolo con Keba.
Nel finale applausi anche per Lobont, che si è fatto trovare pronto sulla conclusione dalla distanza di Machalik, a precedere gli ingressi in campo di Valeau e Nani per Gerson e Juan Jesus.
Poi il triplice fischio finale, che ha sancito il termine del match e del ritiro della Roma a Pinzolo.


 
 IL TABELLINO DELLA PARTITA 
ROMA - SLOVACKO 1-0
ROMA: Alisson (19’st Lobont); Bruno Peres, Castan (1’st Gyomber), Juan Jesus (40’st Nani), L.Pellegrini (13’st Seck); M. Ricci (1’t Vainqueur), Gonalons, Gerson (40’st Valeau); Cappa (1’st Sadiq), Tumminello (19’st Antonucci), Perotti (1’st Keba). Allenatore: Eusebio Di Francesco
SLOVACKO: Heca (1’st Danek); Reinberk, Hofmann, Brecka (8’st Rada), Divisek; Machalik, Danicek, Havlik (29’st Juroska); Navratil (31’st Vasiliev), Zajic (39'pt Kubala), Razek (1’st Šumulikoski). Allenatore: Stanislav Levy
ARBITRO: Daniel Amabile di Vicenza (Bologna - Graziano)
RETE: 32’st Sadiq
NOTE: spettatori 2300
Il ritiro della AS Roma saluta l'Hackathon FIGC (foto)
 
Il «Primo Hackathon del Calcio Italiano - Maratona di Innovazione della FIGC», in programma il 14-15 Ottobre 2017 a Trento www.hackathon-figc.unitn.it, è stato presentato all’As Roma durante il ritiro calcistico che ha visto impegnati i giallorossi a Pinzolo.
È notizia degli ultimi giorni che i leader di UEFA e FIFA (ed in particolare il Presidente UEFA Aleksander Ceferin ed il Presidente FIFA Gianni Infantino) sono stati invitati a partecipare all´iniziativa trentina della FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio).
Sia UEFA che FIFA si sono subito dette interessate a questo tipo di iniziativa e rivolgeranno l´invito anche ai Presidenti delle Federazioni Nazionali Calcistiche Europee.
 
L'iniziativa Hackathon è una maratona di 24-48 ore per virtuosi «hacker» del computer, un evento residenziale dove partecipano a vario titolo innovatori, potenziali imprenditori, esperti e appassionati di tecnologie, software e ricerca applicata, con l’obiettivo di definire progetti di business, prototipi di soluzioni tecnologiche e/o applicazioni software specificamente legati al tema portante della manifestazione.
Si tratta del primo hackathon sul calcio in Italia, il primo organizzato dalla FIGC, il secondo a livello internazionale ed il primo hackathon mai realizzato da una Federazione Calcistica a livello globale.
L’iniziativa è stata presentata dal coordinatore istituzionale FIGC Francesco Anesi in un servizio speciale al canale ufficiale Roma TV.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni