Home | Interno | Bolzano | Alto Adige: Vipiteno e Val di Vizze, ricostruzione di tre ponti

Alto Adige: Vipiteno e Val di Vizze, ricostruzione di tre ponti

Per mettere in sicurezza i centri abitati verranno ricostruiti tre ponti lungo l'Isarco

image

>
L’Agenzia per la protezione civile, nell’ambito di un programma europeo sostenuto con fondi FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale), sta lavorando da anni lungo il corso del fiume Isarco.
In maniera particolare in un tratto lungo 700 metri situato nei comuni di Vipiteno e Val di Vizze, dove il rischio di esondazioni è particolarmente elevato e il letto del fiume deve essere ampliato e abbassato.

«Una parte importante di questi interventi – sottolinea l’assessore Florian Mussner – riguarda anche l’adeguamento della rete stradale. Per questo motivo, i tre ponti situati in quest’area dovranno essere ricostruiti proprio per rispettare al meglio gli standard di sicurezza e abbattere il rischio di esondazioni.»
Oggi, su proposta dello stesso Mussner e dell’assessore Arnold Schuler, la Giunta provinciale ha dato il via libera ad una convenzione con i Comuni di Vipiteno e Val di Vizze per la ricostruzione del ponte Flaines, situato in corrispondenza di via Stazione.
 
Il progetto prevede anche la realizzazione di un sottopasso pedociclabile, e verrà seguito da Ripartizione provinciale infrastrutture, che finanzierà le opere di superficie, Agenzia per la protezione civile, che si occuperà di quelle sotterranee, e Comune di Vipiteno, che si farà invece carico di accessi e sottopasso.
I lavori potranno prendere il via già in autunno, e la spesa prevista sarà di circa 1,1 milioni di euro.

Nel corso dei prossimi anni, inoltre, verrà portata a termine anche l’opera di demolizione e ricostruzione di altri due ponti situati poco distante lungo la strada statale del Brennero: il ponte Hofer (spesa prevista 2,4 milioni) e il ponte all’accesso nord di Vipiteno (3,3 milioni di euro).
Concluse, invece, le operazioni relative al sesto lotto di interventi per la messa in sicurezza del corso del fiume Isarco, e in maniera particolare della sponda orografica sinistra.
Gli argini sono stati rinforzati per un tratto lungo circa 300 metri.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni