Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Zamài no gh'è pù le vie de mèz – Di Cornelio Galas

Zamài no gh'è pù le vie de mèz – Di Cornelio Galas

Dal massa al miga e viceserva, o che 'l fà calt che te se brùsa…

image

- Vist che ventàz domenega matina? Ah paréva che 'l te portés via neh...
- Cramento no stà dirmelo som ancor drìo che tògo su quest e quel finì de soto... e me digo che 'l sachét de plastica dove gh'era denter le zavatèle del mare l'è finì da Vignole drìt nel lach.
- Sì, zamài no gh'è pù le vie de mèz. Dal massa al miga e viceserva, diàolpòrco, o che 'l fà calt che te se brùsa 'l zervèl o che vei zò dal zél pali de fèr che la sera a 'n golfìm no se ghe dìs de no.
- Ma sì, l'è come te dìsi tì. Le stagióm de mèz...
 
- Ma làssa star quele che demò l'è 'n ricordo de 'sti ani, no, no... Chi è cambià tut quant el mondo. Ma sat che le orchidee de la sposa sul pontesèl le è pu grande de quando l'ho compràe e le sèita a butar? Me digo che prést sule palme de soto maùra i dateri oltra a le banane. E zò al manegio dei Fibie i ha zà ordinà dei camèi: i patìs mem la sé dei cavài, capì come?
- Eh l'è tut colpa - così i dìs - dei gas che se manda da ani su per aria. T'hai bem vist no, su l'Adamèl... el giàz l'è nà a farse ciavàr.

- Ah caro, quando 'l grandina mi tiro su da 'n pèz quei tochetìni de giàz e i meto subit en frizer che no se sa mai.
- Ah, se la va avanti così bisognerà anca méter dei bazinèi grandi quando piove per l'aqua.

- Sì, ma envidài bem ai sàsi se no 'l vent 'l te li porta via...
- Tasi che la me sposa la sèita a dirme de far qualcòs en teràza che la è stufa e agra de tirar su vasi de fiori roti, tera dapertut, agégi spacài.

- Bisogna atrezarse caro. Mi l'è da 'n pèz che ho enmciodà zò tuti i vasi. Così i gà anca el spurgo se l'aqua la è massa...
- E quando vèi la suta?

- I stupo co le cìche... varda che l'è meio de tante robe che i vende al briko sat.
- Mah, sarà, tut mal t'hai bem vist no anca i disastri su en Sudtirol… e sì che i todeschi i sà semper cossa far, e i lò fà staifel neh.

- Ma te l'ho dit, sto temp zamai l'è for de testa. E i dìs che l'è colpa dei venti africani: varda che l'è longa a vegnir da noi da l'Africa. Se vede propri che zamai da quei posti i vol scapar tuti. E tut mal vinti en pù vinti en mem...
- Sì, no l'è quela so mare, dai. Disénte che sti ani la néva meio dai. Che po' ogni tant me domando quando l'ha scominzià a cambiar el temp. A scola i n'ensegnéva che na volta la Busa l'era piena de giàz. E che dopo el giàz el s'è colà e da lì è vegnù fora el Garda e i altri laghi. Me sà che zà alora doveva far tant calt, che 'n dìsit?

- Ah, pòl bem darsi sat, i dìs anca quei lezùi che 'l fum dele fornèle a legna el fà dani ne l'aria. E sàt quant che i stizéva quando chi en Busa gh'era el giàz?

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone