Home | Rubriche | Musica e spettacoli | Agosto controcorrente con Lucio Gardin – Di Sandra Matuella

Agosto controcorrente con Lucio Gardin – Di Sandra Matuella

Lucio Gardin: « Sarà una serata in cui la musica non è il fine ma il mezzo per divertirsi. Sarà un tuffo nel passato, la musica sarà in vinile, come quando ho iniziato io»

image

>
«Agosto controcorrente o Do you remember giradischi?» è il titolo di una rassegna di musica e comicità proposta da Lucio Gardin allo Smile Village di Rovereto, un locale estivo dove si può ascoltare musica e ballare sul prato, che si trova a 100 metri dal Millennium Center.
Nei tre venerdì di agosto (11, 18 e 25), a partire dalle ore 21, si balla e si ride con Lucio Gardin.
Questa rassegna è realizzata in collaborazione con Radio Italia Anni Sessanta ed è a ingresso libero: naturalmente è gradito l'abbigliamento a tema.
 
«Sarà una serata in cui la musica non è il fine ma il mezzo per divertirsi, – spiega Lucio Gardin.– Sarà un tuffo nel passato, la musica sarà in vinile con i dischi originali del periodo anni Settanta e Ottanta, perché io ho iniziato come dj.
«La cosa divertente è che nei dischi in vinile si sente il fruscio della puntina che percorre il solco del disco.. è un effetto strano ma molto nostalgico.»
 

 
C'è anche il rischio, però, che qualche disco salti…
«In questo caso non c'è problema: salteremo anche noi. Certo oggi con le consolle elettroniche è molto più semplice mixare i dischi, ai miei tempi per tenere due brani in battuta dovevi usare anche i piedi, ma fare il dj è come andare in bicicletta, non si dimentica.»
 
Per che pubblico è pensato questo appuntamento allo Smile Village?
«È un invito a tutti quelli che hanno passato i trenta e non hanno voglia di andare in provincia di Brescia a ballare ed ascoltare della bella musica, sarà un flash back dei tempi in cui in discoteca bastava poco per divertirsi.»
 
È gradito l’abbigliamento a tema: puoi darci qualche indicazione più precisa?
«Ripeto: le serate si rivolgono agli over trenta, e se questi non sanno come ci si vestiva negli anni Settanta, si facciano vedere dallo psicologo…oppure consultino Google!
«In generale, vanno bene pantaloni a zampa d’elefante, coroncine, parrucche colorate, abiti floreali.
«Il look degli anni Settanta è divertente, mentre il look degli anni Ottanta, con le giacche dalle spalline larghe, d’estate non va bene.»

Sandra Matuella - s.matuella@ladigetto.it


Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo