Home | Interno | Rovereto | Rovereto: arrestati nuovamente due giovani spacciatori

Rovereto: arrestati nuovamente due giovani spacciatori

Avevano violato più volte i provvedimenti restrittivi imposti dopo la retata del 17 marzo scorso a Verona per traffico di stupefacenti

Sono tornati agli arresti un 22enne di Rovereto e un giovane albanese di 20 residente in Vallagarina, che erano già tratti in arresto il 17 marzo scorso, presso la Stazione Ferroviaria di Verona dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Rovereto, ausiliati da quelli della Compagnia Scaligera, nel contesto della più vasta operazione denominata «Remember» che ha inferto un duro colpo allo spaccio di stupefacente in Vallagarina e a seguito della quale erano stati sequestrati circa 6 chilogrammi di marijuana e 300 grammi di cocaina, con l’arresto, in flagranza di reato nel corso dell’attività d’indagine, di 6 persone e la denuncia a piede libero di altre 27 persone per spaccio di stupefacente.
 
All’epoca dei fatti i due erano stati arrestati dopo essersi recati in Veneto per fare il carico di stupefacente da smerciare in Vallagarina.
I Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Rovereto li avevano pedinati e fermati in tempo.
Tratti in arresto, dopo la convalida, i due hanno successivamente avuto il beneficio di misure alternative al carcere per cui 22enne doveva presentarsi ai Carabinieri tutti i giorni per due volte al giorno, mentre il 20enne aveva obbligo di dimora in Rovereto.
 
La decisione di procedere con la custodia cautelare in carcere per il giovane albanese e degli arresti domiciliari per l’altro è stata presa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Verona, a seguito della segnalazione dei Carabinieri della Stazione di Rovereto che avevano annotato e refertato la reiterata trasgressione alle disposizioni del Giudice.
Ma vi è stato un ulteriore elemento di cui il Giudice ha tenuto conto, in considerazione della pericolosità dello stupefacente: i risultati della analisi tecnico-scientifiche svolte dal Laboratorio Analisi delle Sostanze Stupefacenti dei Carabinieri sono stati inequivocabili nel senso.
 
E’ andata male ai due giovani che, prima hanno tentato di smerciare droga nella Vallagarina e poi, incuranti dei benefici ricevuti, hanno dimostrato assoluta inaffidabilità palesando dispregio per le prescrizioni dell’Autorità  Giudiziaria.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni