Home | Sport | Sport in Trentino | Domani a Castello la «Ginkgo Stafetten» promette scintille

Domani a Castello la «Ginkgo Stafetten» promette scintille

Si arricchisce il parterre della sesta edizione della staffetta a cinque: in gara tanti campioni anche di altri sport, V.I.P. e numerosi appassionati della corsa



Dopo qualche giorno dal tempo incerto in Val di Fiemme è arrivato il sole, e ci sarà anche domani a salutare i partenti della 6.a edizione della «Ginkgo Stafetten» proposta dal GS Castello di Fiemme e affiancata dalla 2ª «Ultra Ginkgo».
Le iscrizioni sono ormai chiuse, sono una quarantina le staffette di 5 elementi a cui si aggiungono quindici temerari, tra cui due donne, decisi ad affrontare tutte e cinque le frazioni rispettivamente di 5.554 metri e 136 m. di dislivello, la seconda di 1.900 m. e 34 m/dsl, la terza di 8.900 m. e 216 m/dsl, la quarta di 3.770 m. e 50 m/dsl ed infine la quinta, adatta ai runner allenati, di 12.060 m. e 310 m/dsl.
Il tracciato si snoda nella periferia di Castello di Fiemme, gran parte su asfalto lungo la pista ciclopedonale ed in parte su sentieri, ma non certo dal fondo impegnativo, sconfinando fino a Cavalese e ad ovest fino a Passo San Lugano.
 
Dopo il debutto dello scorso anno piace anche la Ultra Ginkgo, riservata ad atleti poderosi che affrontano individualmente i 32 km, ovvero tutte le cinque frazioni in successione, con anche due donne pronte al confronto, Antonella Corradini e Francesca Crippa che tenterà il bis dopo il primo posto del 2016.
Nelle ultime ore si è iscritta anche una squadra tutta speciale, «I Presidenti» composta dai dirigenti di alcune società sportive della vallata, con Carlo Zanon (US Cauriol), Alberto Nones (GS Castello), Nicola Polesana (US Lavazè), Sergio Longo (US Cornacci Tesero) e Pierangelo Vanzo (US La Rocca Daiano), una bella dimostrazione di sportività e di come lo sport riesca ad aggregare.
Lo scorso anno ci fu un team di sindaci, quest’anno di presidenti, dunque di bene in meglio.
 
Fa notizia anche la presenza della squadra mista di Marcialonga, della squadra Skiers con in prima frazione la biathleta azzurra Dorothea Wierer, il team «Le Belle e le Bestie» con gli azzurrini under 23 Gloria Vinante, Gaia Varesco, Simone Daprà, Michael Elweger e Lorenzo Romano, oppure il team «sFISIcati» con Stefano e Carola Dellagiacoma, Nicole Monsorno, Olaf Haas e Matteo Ferrari, il team «Power Girls» che schiera in prima frazione la fondista (5ª ai Mondiali junior) Monica Tomasini, ma anche il «Team Re di Svezia» con capitano Moreno Giacomelli; sono comunque tanti anche i fondisti divisi nei vari teams come Nizzi, Mich, Gardener e Gabrielli.
 
Il GS Castello annuncia la partenza in piazza a Castello di Fiemme domani alle ore 9.30, gli arrivi dei primi sono previsti invece verso le 11.45, col riferimento di 2h13’20” fatto segnare lo scorso anno dalla squadra mista «I Masadini» composta da Francesco Mich, Martina Rizzoli, Carlo Vaia, Veronica Bello e Michele Vaia, che bissarono il successo del 2015.
A fine gara, dopo il pasta party e la premiazione, gli organizzatori propongono “Castel tra i Borghi” con degustazioni tipiche offerte dalle associazioni locali.
La Ginkgo Stafetten, ideata e voluta dall’appassionato Carmine Tomio e dal past president Mario Broll, sarà un bell’antipasto per il divertimento che a ferragosto, in Val di Fiemme, è imperativo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook
Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni