Home | Interno | I Carabinieri di Cavalese: «Aiutateci ad aiutarvi»

I Carabinieri di Cavalese: «Aiutateci ad aiutarvi»

Gli insegnamenti suggeriti dalla vicenda dei rapinatori che approfittavano della buona fede delle persone anziane

I positivi sviluppi delle indagini condotte dalla Compagnia Carabinieri di Cavalese, a seguito di un tentativo di rapina perpetrato ai danni di un anziana settantunenne residente a San Martino di Castrozza, hanno potuto disvelare come alcuni venditori «porta a porta», approfittando della buona fede e del buon animo «proprio» delle persone anziane, riuscivano ad instaurare un rapporto di progressiva confidenza con gli stessi, fino a millantare gravi problemi di salute che avrebbero colpito i familiari ed altre disgrazie di svariata natura, suscitando nei più ingenui un senso di compassione talvolta sfociato nella progressiva elargizione di denaro in favore dei venditori.
 
Questo metodo di vendita consente all’itinerante di poter ottenere importanti informazioni sui proprietari delle abitazioni interessate dai loro «giri» quali: la loro agiatezza, la composizione del nucleo familiare, il carattere della persona, tutti elementi che se acquisiti da malintenzionati possono risultare strumentali alla pianificazione di eventuali azioni di carattere truffaldino e predatorio nei confronti delle vittime.
 
Posto quanto sopra, richiamando la breve esposizione e quanto indicato nel vademecum «aiutateci ad aiutarvi» redatto dal Comando Provinciale Carabinieri di Trento, pur riconoscendo che la gran parte dei venditori porta a porta risulta essere onesta, si vuole invitare il cittadino a prestare alcune accortezze che potrebbero metterlo al riparo da azioni predatorie/truffaldine.
 
In particolare si consiglia di evitare di dare troppa confidenza a sconosciuti venditori, a non farsi circuire da richieste di denaro di svariata natura anche se contestualmente vengono motivate da immani tragedie familiari ed infine si raccomanda si non fare entrare in casa sconosciuti.
In ultimo si invita il cittadino a contattare immediatamente il 112 in caso di eventuali situazioni di sospetto o pericolo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone