Home | Interno | Inaugurazione 1° giorno di scuola/ 7 – L'assessore Daldoss

Inaugurazione 1° giorno di scuola/ 7 – L'assessore Daldoss

Ai ragazzi di quattro istituti scolastici di Cles: «Coltivate i vostri talenti, per voi stessi e per il bene della vostra comunità»

image

>
«Far sentire l'importanza che la Provincia autonoma di Trento dà alla scuola» è questa la principale motivazione che ha portato Carlo Daldoss, assessore alla coesione territoriale, urbanistica, enti locali ed edilizia abitativa, ad inaugurare l'anno scolastico a Cles.
Dapprima con un saluto agli studenti dell'UPT, dove ad accoglierlo è stato il direttore del centro di formazione professionale Walter Iori, quindi agli alunni dell'Istituto comprensivo «Bernardo Clesio», dirigente Teresa Periti, e in fine mattinata ai ragazzi dell'ultimo anno del liceo Russell e dell'istituto Pilati del capoluogo noneso, scuole entrambe dirette da Alessandra Pasini.
Ad accompagnarlo c'erano Daniela Ceccato, del Dipartimento della conoscenza Pat, Ruggero Mucchi, sindaco di Cles e Silvano Dominici, presidente della Comunità della Val di Non.
La persona e i suoi talenti devono essere al centro della scuola e i valori di riferimento della comunità: questo il messaggio che stamattina l'assessore ha voluto rivolgere a tutti gli studenti.
 
Nel corso della visita al Centro di Formazione Professionale UPT di Cles, è emerso che il 30% dei ragazzi che frequentano quella scuola ha passato l'estate lavorando, non solo in stage, ma in attività retribuite. L'assessore ha voluto sottolineare che l'obiettivo della scuola, sia pubblica, sia paritaria, è senz'altro il raggiungimento di una qualità tecnica, ma serve anche la formazione sociale e da parte degli studenti l'impegno e la capacità di cooperazione, per costruire valori significativi di cittadinanza.
«Si aprono per voi immense opportunità – ha ricordato Daldoss agli studenti, – ma per riuscire a coglierle servirà la vostra capacità di essere soggetti creativi, anche nelle relazioni fra le persone.»
L'Upt di Cles conta 134 studenti distribuiti su 4 indirizzi (Operatore ai servizi d'impresa, Operatore ai servizi di vendita, Tecnico commerciale delle vendite e Tecnico dei servizi d'impresa), che seguono il Biennio Amministrativo e Commerciale.
Il presidente CFP_UPT del Trentino, Ivo Tarolli, presente a Cles stamattina, nell'occasione ha invitato gli studenti a proseguire gli studi e ha ricordato che da quest'anno sarà attivato a Trento un corso di alta formazione professionale per Tecnico superiore per il marketing e per il commercio internazionale.
 

 
La visita è quindi proseguita all'Istituto Comprensivo di Cles; nell'aula magna che ospitava gli alunni di quinta elementare e terza media Carlo Daldoss ha esortato gli studenti a far emergere i propri talenti, un diritto-dovere che tutti abbiamo, non solo nei confronti di noi stessi, ma anche della nostra comunità.
«Conoscere ed apprendere è ciò che fa la differenza – ha ricordato l'assessore, – anche nella costruzione di una comunità tollerante e accogliente.»
Un alunno ha poi chiesto a Carlo Daldoss cosa fa e come si diventa assessore e nella sua risposta lo stesso Daldoss ha evidenziato che per fare politica è necessario avere la prospettiva di agire per il bene comune e la volontà di mettersi al servizio dei cittadini, anche per creare un clima di fiducia tra cittadini stessi e istituzioni.
L'Istituto Comprensivo di Cles conta in tutto 706 alunni e 94 dipendenti, tra docenti e personale amministrativo e ausiliario.
Ad essa fanno capo tre scuole primarie (Cles, Livo e Rumo) e la scuola secondaria di primo grado della cittadina.
 
In chiusura di mattinata l'assessore provinciale ha poi salutato gli studenti delle quinte classi del liceo Russell e dell'ITET Pilati.
«Non stiamo vivendo nei migliori dei mondi possibili – ha detto – ma il mondo non è mai stato così ricco in termini di tecnica, conoscenza e opportunità.
«Eppure la tecnica deve avere un tratto di umanesimo, la capacità di mettere al centro la persona e così anche in quest'epoca che potremmo definire post industriale, è la creatività e la capacità di innovazione delle persone che deve diventare la regola.»
Concludendo il suo saluto Daldoss ha poi ricordato l'importanza della formazione degli insegnanti e ha incoraggiato gli studenti a occuparsi delle cose che accadono sia nel proprio territorio che nel mondo.
«Aprirsi al dialogo e valorizzare le specificità è fondamentale – ha detto l'assessore ai ragazzi – perché voi siete il futuro e la speranza della vostra comunità.»
 

 
Occupandosi di urbanistica l'assessore ha voluto ricordare che attualmente è in corso di elaborazione il progetto per la costruzione della nuova sede succursale del liceo nell'area ex Dusini.
La nuova struttura sarà agibile nell'anno scolastico 2021/2022, così da permettere la dismissione dell'attuale vetusta sede di via Trento.
Il liceo Russell riunisce 6 diversi indirizzi di studio liceali, dal classico alle scienze umane, dal linguistico allo scientifico a cui sono iscritti complessivamente 940 alunni.
L'Istituto Tecnico Economico e Tecnologico "Pilati" è invece frequentato da 777 alunni, di cui 24 iscritti alle scuole serali, e si articola su 6 diversi indirizzi ripartiti nei due settori economico (Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo) e tecnologico (Costruzioni, ambiente e territorio - Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni - Meccanica e Meccatronica).
Al Pilati fa capo anche il corso EDA per il conseguimento del diploma conclusivo del primo ciclo di istruzione e un corso di italiano per stranieri.
Il personale è costituito da circa 160 unità fra docenti e Ata.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone