Home | Sport | Sport vicini al Trentino | Catamarano Mira Hotels & Resorts chiude 5° la Centomiglia

Catamarano Mira Hotels & Resorts chiude 5° la Centomiglia

Il Sortilegio del Garda impedisce di nuovo l’accoppiata vincente con il Gorla

Niente da fare. Anche stavolta la cabala ha avuto la meglio e nemmeno al catamarano Mira Hotels & Resorts è riuscito di cancellare quello che ormai è considerato il sortilegio del Garda ovvero vedere un equipaggio trionfare prima nel Trofeo Gorla e pochi giorni dopo nella Centomiglia cioè nei due gioielli agonistici in campo velico del più grande lago d’Italia.
A tentare nuovamente e vanamente l’impresa è stato un equipaggio capace di unire freschezza e sfacciataggine tipici della gioventù e l’esperienza di chi è stato protagonista di mille avventure: con Matteo Pilati (20 anni, il più giovane timoniere a vincere il Gorla) erano a bordo dell’Extreme 40 vi erano anche i giovani Matteo Ferraglia (Randa), Yas Farneti (Tailer), Matteo Celon (prodiere), Marco Mason (prodiere) con il veterano Massimo Marega (Tattico).
 
Il sogno di vincere la più importante regata del Garda si è infranto all’altezza della boa di Brenzone, quasi a metà gara, quando a Mira Hotels & Resorts si è rotto il bozzello della drizza del Code Zero (la vela portante che Bolina), esattamente come avvenuto in partenza del Gorla.
In quel momento il catamarano veronese era in seconda posizione e stava lottando per la vittoria. In testa d’albero è subito salito Massimo Marega riuscito con un piccolo miracolo tecnico-acrobatico a risolvere il danno.
Ma l’operazione ha comunque avuto delle negative conseguenze sul piano della velocità e anche della rotta. E bastato poco perché Mira Hotels & Resorts perdesse minuti preziosi e il feeling con il vento che nel frattempo era risalito di intensità.
Alla fine l’imbarcazione timonata dal giovanissimo Matteo Pilati ha chiuso al quinto posto.
Un piazzamento da amaro in bocca sia per l'equipaggio, sia per l’armatore, sia per gli sponsor, peraltro tutti felici di aver partecipato e sostenuto questa bellissima avventura capace di unire in sinergia esperienze e operosità di realtà imprenditoriali delle sponde trentina e veneta del Garda.

Il logo Mira Hotels & Resorts indica una dinamica società di gestione alberghiera nata in Trentino e oggi operativa ad Affi, nell’entroterra gardesano veronese, con ramificazioni operative in qualificati Hotel in Trentino - Val di Fassa, Valle d’Aosta, Piemonte, Marche, Sardegna e Tirolo-Kitzbuehel. La sinergia è legata all’esperienza di Super Sail Academy, il centro di alta specializzazione della vela creata da Massimo Marega e Stefano Rizzi parallelamente alla Fraglia Vela Malcesine.
«Abbiamo acquistato due catamarani Extreme40 – spiegano i fondatori – con l’intento di far provare a chiunque l’adrenalina di viaggiare sull’acqua a bordo di quella che si può definire una Ferrari del vento.
«È così possibile apprendere i rudimenti di uno sport affascinante qual è la vela e provare l’ebbrezza di navigare a vela a oltre 20 nodi di velocità oppure partecipare ai corsi di specializzazione per che già regata a livello agonistico.»
 
Insomma ricevute le prima indicazioni veliche salire su Mira Hotels & Resorts è sostanzialmente come essere a bordo di una Ferrari di F1 (ovviamente rapportata alla vela) e in caso di possedere eccellenti doti di guida poter anche provare l’esperienza agonistica di alto profilo.
«Il Lago di Garda è da sempre considerato uno degli autodromi della vela più quotati a livello Mondiale - aggiunge Massimo Marega, in passato regatante di alto livello con il fratello Matteo in varie classi veliche - e da qui è partita la sfida assieme a Stefano.
«Siamo a Malcesine, esattamente nel porticciolo della Fraglia, perché questa località si trova in posizione baricentrica rispetto al Garda in condizione di vento ideale. Inoltre ci consente di salire verso Nord eventualmente alla ricerca di vento più forte, per questo il secondo catamarano lo abbiamo ormeggiato a Riva del Garda davanti alla Spiaggia degli Olivi, o verso il basso lago per trovare aria più leggera.
«Il nostro progetto punta a coinvolgere sia i neofiti sia chi è alla ricerca di High performance ed anche di poter soddisfare esigenze aziendali di Team Building. Info al mio indirizzo mail m.marega@supersailacademy.it o a quello generale info@supersailacademy.it.»
 
Nuove esperienza che si traducono anche in risultati di prestigio.
«È così – aggiunge il tattico di Mira Hotels & Resorts. – Il team 2017 riunisce dei grandi nostri talenti capaci di diventare protagonisti di altissime prestazioni e di superare da veterani anche momenti di difficoltà.
«È quanto avvenuto nel Gorla quando Yas Farneti lavorando con prontezza e sangue freddo sul Gennaker ha reso innocua una inforchettata (foto pié di pagina) fatta a 25 nodi di velocità nei pressi della boa di Brenzone. Sia Yas sia Matteo Ferraglia hanno provato l’esperienza di scuffiare con un Extreme alla Youth America’s Cup e l’esperienza, come ci hanno raccontato, è da non provare.
«Ti trovi a sei sette metri di altezza sull’acqua o vieni catapultato come da una fionda.»
Insomma, una cosa è certa: per l’equipaggio di Mira Hotels & Resorts, per i rappresentanti di Super Sail Academy e per gli sponsor (Mira, Segnana Watersport, Negri Nautica, Zink e Garda Trentino) questa no.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone