Home | Arte e Cultura | Spettacoli | Giovanni Sollima a «Vivere il Parco»

Giovanni Sollima a «Vivere il Parco»

Parco delle Terme di Levico, domenica 17 settembre ad ore 18.00

image

Presso il Parco delle Terme di Levico, domenica 17 settembre ad ore 18.00 appuntamento d'eccezione con Giovanni Sollima e il suo violoncello.
Il concerto si inserisce nell’ambito di «Vivere il Parco», iniziativa realizzata dal Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia autonoma di Trento, che nel corso dell’estate ha visto la presenza nel parco di centinaia di persone.
Il pubblico ha mostrato così di gradire questi appuntamenti con la musica, con un positivo bilancio per l’iniziativa.
Il concerto si terrà presso l'anfiteatro naturale nella suggestiva cornice dello storico parco delle terme di Levico.
In caso di cattivo tempo presso la rimessa del parco, entrata piazza Garollo, fino ad esaurimento posti.
 
Il violoncellista Giovanni Sollima è un musicista-compositore di altissimo spessore, un artista moderno e completo, capace di percorrere con disinvoltura linguaggi differenti con una propria personalità ed una chiara identità stilistica.
Il suo è un pubblico è variegato e trasversale.
Parallelamente all'attività di solista, la sua curiosità creativa lo spinge ad esplorare nuove frontiere nel campo della composizione, attraverso contaminazioni fra generi diversi: rock, jazz, electronic, minimalismo anglosassone e musica etnica di tutta l'area mediterranea.
Nelle sue creazioni utilizza strumenti acustici occidentali ed orientali, strumenti elettrici ed elettronici, affiancandone altri di sua invenzione.
 
Giovanni Sollima nasce a Palermo il 24 ottobre 1962 da una famiglia di musicisti. Studia a Palermo, Salisburgo e Stoccarda, e ancora adolescente intraprende una brillante carriera internazionale di violoncellista, collaborando con Claudio Abbado, Martha Argerich, Jorg Demus e Giuseppe Sinopoli.
La sua musica è eseguita da interpreti classici quali Yo-Yo Ma, Riccardo Muti con la Filarmonica della Scala e la Chicago Symphony, Antonio Pappano e Ivan Fischer con l'Orchestra di Santa Cecilia, Gidon Kremer con la Kremerata Baltica, Daniele Gatti, Mischa Maisky, Viktoria Mullova, Ruggero Raimondi, Mario Brunello, Bruno Canino, Yuri Bashmet con I Solisti di Mosca, Katia e Marielle Labeque, il Quintetto d’archi dei Berliner Philarmoniker, l’Orchestra Reale del Concertgebouw, l’Amsterdam Sinfonietta, la Festival Budapest Orchestra, l’Orchestra Nazionale della RAI, I Turchini, Il Giardino Armonico e, in altri ambiti, da Patti Smith, Larry Coryell, Mauro Pagani, Stefano Bollani, Giorgia ed Elisa (protagonista della sua opera Ellis Island).
 
Per il cinema e la televisione compone per Marco Tullio Giordana (I cento passi e La meglio gioventù), Peter Greenaway (The Tulse Luper Suitcases e Nightwatching), Carlos Saura (La Jota), John Turturro (Prove per una tragedia siciliana), Lasse Gjertsen (Daydream), Maurizio Zaccaro (Il bell'Antonio, RaiUno), Franco Battiato («Bitte Keine Reklame», RaiDue). 
 
In campo teatrale scrive ed esegue musiche di scena per registi come Bob Wilson (Imagining Prometheus a Siracusa e Milano), Alessandro Baricco (Ring al Valle di Roma e Iliade all'Auditorium di Roma e al Lingotto di Torino), Peter Stein (Medea per il Teatro Greco di Siracusa, poi in tour in Italia e Grecia).
Nel 2006 Peter Greenaway sceglie la sua musica per la grande installazione allestita ad Amsterdam in occasione del IV centenario rembrandtiano.
Per la danza collabora con molti importanti coreografi: fra questi Karole Armitage, Micha van Hoecke, Bebe Miller, Fabrizio Monteverde, Matteo Levaggi e Carolyn Carlson che, alla Biennale di Venezia, lo fa suonare sul palco, in mezzo ai danzatori.
 
In veste di solista, o con diversi gruppi strumentali, esegue le sue composizioni in tutto il mondo. Fra le sedi più importanti si ricordano la Carnegie Hall, la Merkin Hall e la Brooklyn Academy of Music a New York, la Scala a Milano, la Queen Elizabeth Hall e la Wigmore Hall a Londra, la Salle Gaveau a Parigi, la Sala Ciaikowskij a Mosca, la Liszt Academy a Budapest, la Sydney Opera House, il Parco della Musica a Roma, il Tanglewood Festival nel Massachusetts, il Festival Internazionale di Istanbul, il Kronberg Festival, il Kunstfest di Weimar, il Lockenhaus Festival, la Biennale di Amsterdam, il Piatigorsky Festival di Los Angeles, il Tokyo Summer Festival, il Ravenna Festival, la Biennale di Venezia, effettuando numerosi tour in Inghilterra, Olanda, Russia, USA, Canada, Cina, Giappone, Australia.
 
Nel 2013 inaugura il Concerto del Primo Maggio a Piazza San Giovanni a Roma guidando il formidabile ensemble dei 100 Cellos, da lui fondato l'anno precedente al Teatro Valle.
Il 2 giugno 2017, per la Festa della Repubblica, ha eseguito un concerto al Quirinale di fronte ai presidenti della Repubblica, della Camera e del Senato, e agli ambasciatori di tutti i Paesi del mondo.
Attualmente sta componendo le musiche per il prossimo film di Anatolij Vasiliev.
Suona un violoncello Francesco Ruggeri (Cremona), insegna presso la Fondazione Romanini di Brescia e, dal 2010, presso l'Accademia di Santa Cecilia, dove è stato insignito del titolo di Accademico. E' inoltre il Direttore artistico della Società Italiana del Violoncello.
 
 Informazioni 
Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale
Provincia Autonoma di Trento
Tel. 0461 706824 (Parco di Levico) - parco.levico@provincia.tn.it
www.naturambiente.provincia.tn.it 
 
G. Sollima - Foto GM Musarra.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone