Home | Interno | Il Consiglio provinciale di Trento approva il DDL Detomas

Il Consiglio provinciale di Trento approva il DDL Detomas

Stabilisce le regole sull’ineleggibilità di alcuni soggetti – Astenuto solo Ossanna (Patt)

Il Consiglio provinciale ha proseguito i lavori con l'esame del disegno di legge di modifica della legge elettorale di Giuseppe Detomas (Unione autonomista ladina) che ha approvato con la sola astensione di Lorenzo Ossanna (Patt).
«Il documento – ha spiegato il consigliere proponente – è relativo all'incompatibilità e ineleggibilità dei consiglieri regionali e va interpretato con stretto rigore e letto con la lente di chi ha cuore la rispettabilità e l'onorabilità delle istituzioni.
«Si tratta di un unico articolo che integra l'ordinamento attuale e prevede che siano ineleggibili i direttori, amministratori, dirigenti, legali rappresentanti di società o istituti finanziati da società controllate dalla provincia o dalla regione.
«Inoltre, in base alle nuove norme risultano esclusi dalla possibilità di essere eletti anche coloro che svolgano attività professionali in favore degli stessi enti o gestiscano servizi ed effettuino prestazioni anche agli enti locali.
Una previsione che si applica a partire dalla prossima legislatura.
 
Claudio Civettini (Civica) ha detto che la politica è la scelta di mettersi a disposizione della comunità ed è quindi giusto introdurre queste limitazioni.
Chi vuole fare il consigliere deve scegliere di farlo in via esclusiva, ha aggiunto.
I vantaggi della conoscenza dei meccanismi andrebbero messi nella disponibilità dei cittadini, senza trarne però dei vantaggi dal punto di vista dei percorsi. La politica non può essere il luogo degli affari, ha concluso.
 
Ha dichiarato di sostenere questa legge anche Claudio Cia (Misto) anche se ha osservato che trovarsi a dover introdurre norme di questo tipo significa che sono state disattese.
Il Trentino in questo deve ancora crescere molto, ha aggiunto, e allora non ci si può lamentare e meravigliare del populismo che in realtà interpreta solo la rabbia dei cittadini.
 
Nerio Giovanazzi (Amministrare il Trentino) ha definito questa una proposta che fa chiarezza, dicendosi poi concorde con gli interventi dei colleghi che l'hanno preceduto: chi sceglie di fare politica deve farlo per una scelta consapevole, non si può volere tutto.
 
Giuseppe Detomas ha replicato affermando che in un contesto così delicato occorre essere molto oggettivi tenendo sempre a mente la trasparenza e l'onorabilità dell'istituzione cui si appartiene: questo di fatto è l'obiettivo, naturalmente l'ideale sarebbe non averne bisogno, ma questa è un'utopia cui ci si può aspirare, ma che rimane molto diversa dalla realtà.
 
Il documento è stato approvato con la sola astensione di Lorenzo Ossanna (Patt).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone