Home | Interno | Bolzano | Politica alimentare, Alto Adige chiede sostegno della UE

Politica alimentare, Alto Adige chiede sostegno della UE

A Bruxelles il presidente Kompatscher ha chiesto una politica alimentare sostenibile che punti su produzione locale e biodiversità

Il sostegno dell'Europa, dal punto di vista economico e giuridico, per l'applicazione di una politica alimentare sostenibile.
Lo ha chiesto a Bruxelles, intervenendo a due appuntamenti nell'ambito della Settimana europea delle città e delle Regioni, il presidente Arno Kompatscher presentando il documento intitolato «Verso una politica alimentare sostenibile dell'UE che porti occupazione e crescita nelle regioni e città d'Europa» che già lo scorso marzo aveva avuto il via libera del Comitato delle Regioni.
«Ora attendiamo che la Commissione e il Parlamento europeo creino le condizioni dal punto di vista giuridico e finanziario affinchè questa dichiarazione d'intenti possa trovare applicazione concreta», ha annunciato Kompatscher.
 
In sostanza, come ha spiegato il Landeshauptmann, il documento punta a «stimolare le filiere alimentari regionali, a incentivare i prodotti tradizionali e l'acquisto da parte degli enti pubblici di prodotti locali a km. zero per scuole, mense e ospedali».
Il presidente altoatesino ha sottolineato che «soprattutto nelle zone rurali e periferiche, in maniera particolare quelle di montagna, dobbiamo puntare sul sostegno ad un sistema di piccole aziende agricole, garantendo la tutela delle biodiversità».

Un tema da non sottovalutare, secondo Arno Kompatscher, è poi quello dell'accessibilità: «I consumatori, anche quelli con un potere d'acquisto limitato - ha spiegato - devono poter accedere a prodotti freschi e a km. zero, e devono avere la sicurezza che ciò che acquistano rispetti determinati parametri e criteri. Da questo punto di vista, chiediamo all'Europa una maggiore flessibilità nell'applicazione di regole e procedure, in maniera particolare nel sistema delle gare, che possono rischiare di ostacolare questo percorso. Un sistema del genere non solo rafforza le filiere alimentari regionali e i piccoli produttori locali, ma ha effetti positivi sulla salute, in maniera particolare per quanto riguarda la lotta all'obesità.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone