Home | Interno | Bolzano | Politica alimentare, Alto Adige chiede sostegno della UE

Politica alimentare, Alto Adige chiede sostegno della UE

A Bruxelles il presidente Kompatscher ha chiesto una politica alimentare sostenibile che punti su produzione locale e biodiversità

Il sostegno dell'Europa, dal punto di vista economico e giuridico, per l'applicazione di una politica alimentare sostenibile.
Lo ha chiesto a Bruxelles, intervenendo a due appuntamenti nell'ambito della Settimana europea delle città e delle Regioni, il presidente Arno Kompatscher presentando il documento intitolato «Verso una politica alimentare sostenibile dell'UE che porti occupazione e crescita nelle regioni e città d'Europa» che già lo scorso marzo aveva avuto il via libera del Comitato delle Regioni.
«Ora attendiamo che la Commissione e il Parlamento europeo creino le condizioni dal punto di vista giuridico e finanziario affinchè questa dichiarazione d'intenti possa trovare applicazione concreta», ha annunciato Kompatscher.
 
In sostanza, come ha spiegato il Landeshauptmann, il documento punta a «stimolare le filiere alimentari regionali, a incentivare i prodotti tradizionali e l'acquisto da parte degli enti pubblici di prodotti locali a km. zero per scuole, mense e ospedali».
Il presidente altoatesino ha sottolineato che «soprattutto nelle zone rurali e periferiche, in maniera particolare quelle di montagna, dobbiamo puntare sul sostegno ad un sistema di piccole aziende agricole, garantendo la tutela delle biodiversità».

Un tema da non sottovalutare, secondo Arno Kompatscher, è poi quello dell'accessibilità: «I consumatori, anche quelli con un potere d'acquisto limitato - ha spiegato - devono poter accedere a prodotti freschi e a km. zero, e devono avere la sicurezza che ciò che acquistano rispetti determinati parametri e criteri. Da questo punto di vista, chiediamo all'Europa una maggiore flessibilità nell'applicazione di regole e procedure, in maniera particolare nel sistema delle gare, che possono rischiare di ostacolare questo percorso. Un sistema del genere non solo rafforza le filiere alimentari regionali e i piccoli produttori locali, ma ha effetti positivi sulla salute, in maniera particolare per quanto riguarda la lotta all'obesità.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone