Home | Interno | «Per un invecchiamento di qualità»

«Per un invecchiamento di qualità»

Martedì 14 novembre alle 15 a Sociologia di Trento si apre un ciclo di incontri sulla sfida sociale di una componente anziana sempre più consistente

Età media in progressivo aumento con un rapporto sempre più sbilanciato tra componente anziana e quota giovane della popolazione.
«L’invecchiamento della popolazione è un fenomeno nuovo, che nelle attuali proporzioni si verifica per la prima volta nella storia» commenta Roberto Poli, professore del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Trento, dove è anche coordinatore dell’unità di ricerca eVita – Età della vita.
Tra gli obiettivi di eVita c’è lo studio delle tendenze di lungo corso delle diverse età e delle loro relazioni, la sperimentazione di strategie per mitigare i problemi che dovessero emergere e l’offerta di competenze scientifiche a istituzioni e decisori.

Poli cita alcuni dati per far intuire le prospettive. Secondo l’ultimo report dell’Istat (Il futuro demografico del Paese, aprile 2017) l’età media della popolazione in Italia passerà dagli attuali 44,7 a oltre 50 anni del 2065. Il picco di invecchiamento colpirà l’Italia nel 2045-50, quando si riscontrerà una quota di ultrasessanta-cinquenni vicina al 34%.
Mentre la componente di giovani fino a 14 anni tende a stabilizzarsi intorno al 12%.
 
«Come per tutti i fenomeni nuovi – prosegue Poli – le soluzioni non sono già state scritte. Dobbiamo imparare a gestire una situazione nuova e ci servono abbondanti dosi di coraggio e fantasia, nonché la voglia di affrontare a viso aperto una nuova sfida. È anche necessario avere il coraggio e la determinazione di sperimentare nuove e diverse proposte per scoprire quelle che funzionano meglio. Se faremo tutto questo, saremo pronti e arriveremo ai prossimi decenni avendo accumulato la conoscenza e l’esperienza per mantenere una elevata qualità della vita, nostra e dei nostri cari. Se non lo faremo, la qualità della vita della popolazione diminuirà e aumenteranno le sofferenze individuali e della comunità.»

Nasce con queste motivazioni «Invecchiamento e qualità della vita. Ciclo di incontri sulla prossima grande sfida sociale», iniziativa organizzata dall’unità di ricerca eVita – Età della vita del Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale con il patrocinio dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della Provincia di Trento.
Il primo appuntamento sarà martedì 14 novembre alle 15 al Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale (Trento – Via Verdi, 26).
A introdurre l’incontro, che è aperto a tutte le persone interessate, sarà lo stesso Roberto Poli.
Quindi Antonella Nazzi (responsabile Servizio sociale dei Comuni, Azienda per i Servizi sanitari «Alto Friuli» della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia) interverrà portando «Recenti esperienze in tema di invecchiamento attivo».
 
Link alle informazioni sul ciclo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone