Home | Interno | Cronaca | La Guardia di Finanza ferma un commerciante di stampe

La Guardia di Finanza ferma un commerciante di stampe

Aveva con sé merce per un valore complessivo di circa mezzo migliaio di euro, rischia una multa di 3.000 euro

Nel corso di un servizio contro l’abusivismo commerciale a Dimaro-Folgarida, i militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Cles, il 09.11.2017, hanno sorpreso due cittadini italiani, un uomo e una donna, a vendere in strada un centinaio (96 per l’esattezza) di stampe, quadretti e raffigurazioni.
A seguito del controllo dei militari, i due sono stati trovati privi della prescritta licenza.
Tutta la merce è stata sequestrata amministrativamente ai sensi della legge Provinciale 17/2010 per vendita ambulante di merce varia senza licenza.
 
La merce aveva un valore complessivo di circa mezzo migliaio di euro.
I due commercianti abusivi hanno ricevuto una sanzione amministrativa di 3000 euro che, se non pagata entro 60 giorni, potrà arrivare a tre volte tanto.
Il servizio conferma l’attenzione che la Finanza ripone, a livello locale, ai fenomeni di micro-illegalità a tutela della libera concorrenza e del rispetto delle norme economiche.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone