Home | Sport | Calcio | La trasferta a Romano è immeritatamente amara per il Trento

La trasferta a Romano è immeritatamente amara per il Trento

I padroni di casa s'impongono 2-1 e rovinano l'esordio in panchina di mister Filippini

image

>
Il Trento si dimostra vivo e vitale, ma esce a mani vuote dal Comunale di Romano di Lombardia nella quattordicesima giornata del campionato di serie D: i padroni di casa della Romanese s'impongono per 2 a 1 al termine di un match nel quale i gialloblù hanno creato parecchio ma sprecato altrettanto, peccando di cinismo sotto porta e sbattendo contro la traversa della porta bergamasca.
Dopo il vantaggio locale, firmato da Marchesi, l'autorete di Dianda ad inizio ripresa ristabiliva la parità ma il diagonale di Guariniello, con deviazione decisiva di Calcagnotto, regala i tre punti alla squadra lombarda.
La Romanese sale a quota 9 e scavalca in classifica il Trento, ora diciannovesimo con 8 punti. Domenica prossima si torna al Briamasco, dove arriverà la Grumellese.


 
 Live match 
Per la prima sulla panchina gialloblù il tecnico Antonio Filippini si affida al 4-3-3 con Paoli e Toscano che invertono le abituali posizioni nella linea difensiva, mentre in avanti Zecchinato guida il tridente con Duravia e Lillo, che torna titolare, a supporto.
Il Trento inizia il match con buon piglio e si posiziona nella metà campo bergamasca, mentre la formazione di casa sceglie di agire di rimessa.
Al 17' Lillo sfonda sulla sinistra e crossa teso in area piccola, ma nessun compagno è pronto a raccogliere l'invito e la difesa della Romanese allontana con qualche difficoltà.
Passano due minuti e Furlan cerca i pali dal limite dell'area con la sfera che sorvola di poco la traversa.
La compagine lombarda rompe l'assalto al minuto 20: Guariniello sfonda sulla sinistra e poi calcia rasoterra con Cuoco che respinge di piede.
 
Poi torna a premere il Trento e, sul ribaltamento di fronte, Zecchinato cerca la deviazione con il tacco: l'estremo difensore di casa resta immobile ma il pallone si accomoda sul fondo.
Si cambia verso e la Romanese passa a condurre: corto rinvio di Cuoco per Giacomoni che, pressato, da Marchesi, reindirizza la palla verso il numero dodici aquilotto.
Marchesi entra in scivolata verso il portiere del Trento, che perde il contrasto: la sfera carambola sull'interno del palo e s'insacca nella porta gialloblù.
Filippini striglia la squadra dalla panchina e alla mezz'ora la compagine trentina ha una doppia clamorosa occasione per pareggiare: duetto tra Duravia e Paoli sulla destra, cross rasoterra per Boldini che calcia a botta sicura ma la sfera sbatte contro la traversa e arriva sui piedi di Zecchinato che cerca il rebound ma, ad un centimetro dalla linea di porta, un difensore di casa sventa la minaccia con un intervento che vale quanto un gol.
Il primo tempo si chiude con un sinistro da venti metri di Bertaso che non trova lo specchio della porta.
 

 
Il secondo tempo inizia con il Trento che preme sull'acceleratore alla ricerca del pari e, dopo sei minuti, ecco che la compagine del capoluogo ristabilisce l'equilibrio: corner dalla destra battuto da Bertaso, Zecchinato sfiora la sfera all'altezza del palo e Dianda la spedisce, inavvertitamente, nella propria porta.
Il match è riaperto, ma solamente per trenta secondi perché, dopo aver battuto al centro, la Romanese torna subito avanti grazie ad una conclusione dalla sinistra di Guariniello che, complice la decisiva deviazione di Calcagnotto, scavalca Cuoco e termina in fondo al sacco.
Filippini prova a cambiare le carte in tavola, modificando linea mediana, attacco e anche assetto.
Il Trento assedia l'area di rigore della Romanese: al 78' Pangrazzi calcia rasoterra e Mazzetti para in due tempi, poi l'estremo difensore di casa risolve con bravura una mischia in area piccola dopo un corner dalla destra (81') e, a due minuti dallo scadere, Zecchinato aggancia palla in area e batte a rete, ma l'estremo difensore di casa dice "no", riprende lo stesso centravanti gialloblù che però spara a lato.
Finisce due a uno per la Romanese: domenica prossimo impegno casalingo contro la Grumellese.
 

 
 Il tabellino dell'incontro 
ROMANESE – TRENTO 2 - 1

ROMANESE (4-3-1-2): Mazzetti; Benzoni (42'st Bena), Zanoni, Bianchi, Zendrini; Dianda, Molinelli, Trovesi; Marchesi (32'pt Rolfi); VItari, Guariniello.
A disposizione: Belloli, Reccani, Nichi, Singh, Ouardi, Mazzoleni, Donati.
Allenatore: Aldo Nicolini.
TRENTO (4-3-3): Cuoco; Paoli, Giacomoni, Calcagnotto, Toscano; Furlan (26'st Appiah), Bertaso (31'st Pangrazzi), Boldini, Duravia (15'st Kyeremateng), Zecchinato, Lillo (19'st Lella).
A disposizione: Grubizza, Rippa, Casagrande, Diop, Bacher.
Allenatore: Antonio Filippini.
ARBITRO: Longo di Cuneo (Giordano di Alessandria e Dajci di Cesena).
RETI: 22'pt Marchesi (R), 6'st autorete Dianda (T), 7'st Guariniello (R).
NOTE: spettatori 300 circa. Giornata freddissima. Campo in discrete condizioni. Ammoniti Rolfi (R) e Calcagnotto (T) per gioco falloso, Mazzetti (R) per comportamento non regolamentare. Calci d'angolo 3 a 1 per il Trento. Recupero 2' + 4'.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone