Home | Rubriche | Cartoline | Cartoline dal forte delle Benne, Levico terme: «Parole scavate»

Cartoline dal forte delle Benne, Levico terme: «Parole scavate»

Anteprima della Mostra di Bruno Lucchi che sarà inaugurata a Pasqua 2018 e visitabile fino al 4 Novembre 2018

image

>
 «PAROLE SCAVATE»
Una lettura della Storia
come solo un artista può fare.
Uno spazio dove orrore e bellezza
riescono ad abbracciarsi.
Uno spunto per stimolare
pensiero e memoria.

La passione per la mia arte mi rende un inguaribile seminatore di bellezza, del resto, citando lo scrittore francese Christian Bobin:
«L'arte è spazio senza limiti. L'arte è aprire spazi nuovi.»
Sempre e ovunque – aggiungo io.
Bruno Lucchi

 Bruno Lucchi. Parole scavate 
Forte delle Benne, Levico Terme 2017
Nella ricorrenza del Centenario della Grande Guerra un importante progetto espositivo dello scultore trentino Bruno Lucchi intende proporre una ampia e articolata occasione di riflessione tramite il connubio tra installazioni scultoree e gli spazi così fortemente connotati del Forte delle Benne.
Parole scavate nasce e si articola come una intensa ricerca sull’uomo, protagonista e vittima del lungo e sanguinoso evento bellico, condotta sul doppio versante della parola poetica e della materia scultorea, capaci di rendere universale, oltre i confini di tempo e di spazio, la tragedia che ogni conflitto porta con sé.
Nella successione degli spazi del Forte, tra camerate, camminamenti, depositi, postazioni, si susseguono sculture ed istallazioni in terracotta, dai pannelli ispirati a citazioni letterarie (Bertolt Brecht, Ermanno Olmi), al percorso visivo in parole e immagini che dà forma a versi tratti dalle più celebri liriche della raccolta L’Allegria (1914-1919) di Giuseppe Ungaretti, il poeta soldato al fronte della Grande Guerra, tra cui Veglia, San Martino del Carso, Fratelli, Soldati, Dormire, Pellegrinaggio.
Bruno Lucchi fa propria l’intensità emotiva e la potenza visiva dei versi, trovando in essi la consonanza ideale con la materia scultorea, plasmata alla ricerca di pari essenzialità.
Nei locali della santabarbara, a evocare idealmente l’ultimo Natale di guerra, Bruno Lucchi colloca il progetto scultoreo «Al compiersi dell’attesa», già esposto nell’Avvento 2016 nella cattedrale di Trento.
Parole scavate: un messaggio intenso che alla violenza e alla morte oppone la forza straordinaria del cuore, del sentire, dell’intelletto umano.
Carmela Perucchetti







Bruno Lucchi - www.brunolucchi.it
Via Marconi,87 - 38056 Levico Terme
info@brunolucchi.it - postmaster@pec.brunolucchi.it
0461 707159 - 329. 8632737
Facebook. - Istagram. - www.camminatatragliolivi.it
(Precedenti cartoline)
Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone