Home | Rubriche | Dialetto e Tradizione | Sét nà anca ti al mercadìm de Nadàl? – Di Cornelio Galas

Sét nà anca ti al mercadìm de Nadàl? – Di Cornelio Galas

Na volta fighi séchi e mandarini per i boci a Santa Luzia, mudande e flanèle oltra al seltzen per Nadal. E tuti i era a posto

image

- Sét nà anca tì ale fére de Nadal?
- Ma sì, se no te vai la spósa la mete 'l mus, se sa...
- Zerto che na volta no la néva cosìta ah?
- Ah credo bem. Fighi séchi e mandarini per i boci a Santa Luzia. Mudande e flanèle oltra al seltzen per Nadal. E tuti i era a posto. Per i boci bastéva nar ala 'Upim, se propri, ma parlém zamai dai ani setanta. Prima la néva de pirli de légn, de 'n par de banane (verdi, che così le dureva de pu), ale tante de 'n balom de plastica ciapà coi ponti del Sait...
- Sì, dai, che a parlar de ste robe par che te gàbi zamài zent'ani...
- No l'è quéla so mare. L'è che adès par che a Nadal se no te vai ai mercadini... te sei taià fòra neh...
- Tàsi valà. Me fiòla giust algéri la m'ha ciamà... L'era da st'istà che no la me ciaméva. Sule prime ho pensà che fùs suzés qualcos de brut, te dirò. Po' la fa: «Varda che ai mercadini de Nadal gh'è quest e quel e que l'alter... tì che te sei en pensiom, narésit a torme quest e quel e que l'alter?»
- E tì?
- Osc'ia mi som nà ai mercadini de Nadal. Gavévo drìo la lista de le robe da tor. Sol che - m'è scapà l'ocio - e le istesse robe i le vendeva per de mem en zità. E alora me som dit le togo lì ah?
- T'hai fat bem digo.
- T'el disi ti che no te sai come va el mondo adès... Porto ste robe ala fiòla e quela la slarga i bràzi: «Ma ste chì no le è de marca, quéle de marca i le vende sol ai mercadini... Dai, piòc, per do euri en mem... Che te costeva?»
- Bruta roba.
- Eh tut mal som nà de nof al mercadim de Nadal. Ho ricomprà le istesse robe. Pagàe en po' de pù ma tut mal ho mes en tàser la fiola, dai...
- Dai, tut a posto alora no?
- Miga tant...
- Eh òspia, ’sa è suzés ancora?
- Zà che gh'ero me som dit: se ciàva, me magno en scartòz de maróni.
- Boni...
- E drìo gò bevù anca en biciér de brulé cramento.
- Bom anca quel osc'ia.
- Ma sat che maróni e brulè i m'è costài pù dei zoghi dei neòi?
- Ma dai...
- E no l'è finìa chì, cramento.
- No ghe credo...
- Sì, te digo. Na sfiga drio l'altra.
- Elamadona...
- Torno de volta dal mercadim e trovo la multa su la machina... Che ero fora dale righe, ma dime ti... e pensar che avevo anca pagà n'ora en pù per lassar lì l'autim.
- Sfiga davéra.
- E dopo...
- E dopo?
- Dopo, diaolporco, ero strach a forza de strozegarme drìo pachi e pacheti. I bar pieni. Le banchéte dei giardini piene. Me som sentà sora quei muci de sàsi che i ha més en zima ale stràe che ariva denter en zità...
- Quele contro i teroristi, ho capì...
- Eco, quele... Sol che è arivà en carabinier e 'l m'ha dit: «Cerca grane? Carta d'identità prego...»
- E ti cossa gàt dìt?
- A dirte la verità gnent. Perché avevo desmentegà telefonim e borsèl en machina... Me som sentì come en delinquente. Gò dit: «El me scusa sàlo, se 'l vol co 'n mantìm che ho tirà drìo dopo el cafè al bar (che ho tut mal pagà neh) nèto bem dove me som sentà. Po' narìa giust a casa senza far altri casini, el giuro…!»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone