Home | Interno | Il premio Focsiv assegnato sabato a Roma a tre donne

Il premio Focsiv assegnato sabato a Roma a tre donne

Volontaria dell’anno l’eritrea Alganesc Fessaha, sostenuta dal Centro Missionario di Trento

image

>
C’è anche l’eritrea Alganesc Fessaha, 69 anni, medico, residente a Milano e da anni impegnata nel sostenere profughi e rifugiati anche con l’aiuto del Centro Missionario diocesano di Trento, tra le tre donne vincitrici della XXIV edizione del Premio Volontariato Internazionale Focsiv 2017, assegnato sabato scorso a Roma.
Le altre vincitrici sono l’italiana Anna Dedola, impegnata nella lotta all’AIDS in Tanzania e Khadija Tirha, marocchina trapiantata a Torino, attiva in percorsi di integrazione.
All’assegnazione era presente anche l’arcivescovo emerito di Trento monsignor Luigi Bressan, in qualità di assistente spirituale della Focsiv, la federazione delle organizzazioni non governative di ispirazione cristiana.
 
A partire dal 2011, il Centro Missionario Diocesano di Trento ha iniziato la sua collaborazione con la dott.ssa Alganesc e l’associazione Ghandi, di cui è presidente, per la liberazione dei profughi eritrei prigionieri in Egitto perché trovati senza documenti, in territorio egiziano, nel tentativo di raggiungere Israele e l’Europa.
Anche con il contributo della Provincia Autonoma di Trento, in questi anni la dott.ssa Alganesc ha potuto liberare centinaia di bambini, donne, uomini, trasferendoli nei campi profughi del nord Etiopia.
 

 
Alganesc periodicamente si reca in Egitto ed entra nelle carceri, verifica le condizioni dei detenuti, predispone tutti i documenti necessari, acquista i biglietti aerei, fornisce loro medicinali, indumenti e li accompagna in aeroporto dove vengono imbarcati per raggiungere l’Etiopia.
Un secondo progetto, avviato nel 2013,  prevede il sostegno da parte del Centro Missionario Diocesano all’Associazione Ghandi per poter fornire un pasto al giorno a 600 bambini dai 3 ai 6 anni che si trovano con le loro famiglie nel campo profughi di Mai Ayini nel nord dell’Etiopia.
A distanza di 4 anni i bambini sono aumentati e sono oltre 900, tanto che sono organizzati in due turni per mangiare.
 
Nella motivazione del premio ad Alganesc si legge: «Per il suo coraggio nel proteggere il diritto alla vita di qualunque essere umano presente su questo Pianeta, per il suo tenace e continuo impegno nel salvare gli uomini, le donne ed i bambini ovunque questi si trovino, per la sua caparbia volontà a voler garantire la pienezza della vita dei più vulnerabili e nel voler dare un nome a chi non è riuscito mai ad arrivare sulle coste della terra promessa: l'Europa. Alganesc, solido albero dell'umanità.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone