Home | Satira | La Talpa | L’amore dei Romani per Spelacchio

L’amore dei Romani per Spelacchio

Il commento in un bigliettino: «Sembra che dorma…»

image

Riportiamo una serie di commenti simpatici che sono nati sulla vicenda dell’albero di Natale che la Val di Fiemme ha venduto al Comune di Roma, il quale poi ha perso gli aghi in brevissimo tempo, guadagnandosi il nome di «Spelacchio».
E così, la carrellata con cui le televisioni del mondo hanno mostrato gli alberi di Natale, ha pietosamente dimenticato Roma capitale d’Italia.

I Romani però lo hanno amato e si sono sbizzarriti con moltissimi commenti, alcuni dei quali meritano essere riportati da noi.
Il più bello lo abbiamo pubblicato nel sottotitolo: «Sembra che dorma». Frase che si usa per parlare di un cristiano che è morto serenamente.
Il Comune di Roma ad un certo punto ne ha dichiarato la morte: «È ufficialmente secco».
«Ciao Spelacchio, – scrive un romano. – Sei divenuto l’ottavo Re di Roma.»
«Non ti dimenticheremo, – scrive un altro. – Non fiori (secchi) ma opere di bene!»
«Per volontà di Spelacchio, l’albero sarà cremato.»
Il monito del Papa a Virginia Raggi: «Mica vorrai fa’ pure er Presepe!»
Qualcuno ha pensato di sostituire Spelacchio con un gigantesco Arbre magique
«R.I.P.»
Maroni, presidente della Regione Lombardia, ha citato l’albero per ammonire sulla eventuale vincita elettorale dei 5 Stelle: «Ecco come diventerebbe l’Italia con loro al governo».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone