Home | Interno | Ambiente | Camini e impianti termici, «prevenzione vuol dire sicurezza»

Camini e impianti termici, «prevenzione vuol dire sicurezza»

La Provincia ricorda cosa fare per assicurarsi un utilizzo sicuro delle canne fumarie

Le cronache di questi ultimi tempi ci riportano spesso notizie di incendi in abitazioni private causati dal surriscaldamento delle canne fumarie.
Notizie che ci danno l’occasione per ricordare quanto sia importante, per gli impianti di riscaldamento, mettere in atto una periodica manutenzione ed il controllo di efficienza energetica, la cosiddetta prova dei fumi.
Per conoscere la periodicità con cui eseguire la manutenzione al proprio impianto va letto attentamente il libretto d'uso e manutenzione della caldaia.
È bene invece eseguire il controllo di efficienza energetica ogni volta che si effettua la manutenzione, anche se la normativa impone per le caldaie a gas domestiche una cadenza almeno quadriennale.
Per impianti e stufe alimentati a biomassa (legna, cippato, pellet) è fondamentale garantire la pulizia dai depositi carboniosi.
 
 Per la sicurezza della propria casa è importante 
- mantenere pulito il camino e controllarlo prima dell’inizio del periodo di riscaldamento, rivolgendosi a personale qualificato e aggiornando il registro di pulizia;
- far controllare che siano rispettate le distanze da materiali combustibili previste dal costruttore del camino;
- accertarsi che sia presente la camera di raccolta del camino, munita di apertura di ispezione a tenuta;
- far rimuovere eventuali aspiratori meccanici posti alla sommità del camino e accertarsi che il comignolo abbia una sezione di uscita adeguata e libera da ostruzioni;
- far verificare il corretto tiraggio ad un tecnico specializzato, in caso di situazioni dubbie o quando si sente odore di fumo;
- mai tappare il foro di ventilazione per l’ingresso dell’aria all'apparecchio e tenerlo sempre pulito e libero;
- controllare che l’eventuale serranda di regolazione posta sul canale da fumo sia compatibile con l’apparecchio;
- controllare la qualità della combustione;
- controllare che non siano allacciati altri apparecchi allo stesso camino;
- rivolgersi sempre a personale specializzato per l’installazione di nuovi apparecchi, comprese stufe e cucine economiche, richiedendo la dichiarazione di conformità alla fine dei lavori;
- accertarsi di avere la dichiarazione di conformità del camino se realizzato dopo il 27 marzo 2008 (entrata in vigore del D.M. 22 gennaio 2008, n. 37);
- accertarsi che sia presente la placca del camino secondo la norma UNI/TS11278:2008 per camini realizzati dopo il 28 maggio 2008;
- se il fabbricato è assicurato contro l’incendio contattare la compagnia di assicurazioni per verificare le clausole contrattuali.
 
Tutte le info dell'Agenzia Provinciale per le Risorse Idriche e l'Energia sono a questo link.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone