Home | Interno | Trento | i ragazzi del Prati reinterpretano «Il nome della rosa» di Eco

i ragazzi del Prati reinterpretano «Il nome della rosa» di Eco

L'appuntamento è venerdì sera alle 19.30 con proiezioni, citazioni e letture

image

>
E' il liceo classico Prati a inaugurare gli eventi che, nel corso del 2018, saranno dedicati a «Il nome della rosa» di Umberto Eco.
Selezionato dai lettori trentini l'anno scorso nell'ambito dell'iniziativa «Un libro, una città», il romanzo è infatti tra i protagonisti, venerdì 12 gennaio, della quarta edizione della «Notte del Liceo classico».
L'appuntamento è appunto al «Prati», in via Santissima Trinità, dalle 19.30, nell'aula d'arte al secondo piano.
L'evento di venerdì sera è il frutto del lavoro di sei ragazzi dell'istituto che, aderendo al progetto «Un libro, una città», hanno dedicato al romanzo di Eco il loro periodo di alternanza scuola-lavoro.
 
Il risultato di questo corpo a corpo con «Il nome della rosa» è «Vietato leggere (e meglio non ridere)», conversazione sul romanzo con letture selezionate dagli stessi studenti, che sono stati guidati dal bibliotecario Paolo D. Malvinni.
Le letture saranno introdotte dalla proiezione di scene selezionate dal film «Il nome della rosa» di Jean-Jacques Annaud (1986), a cura del professor E. Pulvirenti.
Nel corridoio che porta all'aula d'arte sarà inoltre allestita una mostra di citazioni tratte dal romanzo scelte dagli studenti della 5 E e dalla professoressa A. Abbate.
Il progetto di alternanza scuola-lavoro che si è svolto in biblioteca comunale ha dato modo agli studenti di selezionare argomenti e letture e di avviare una riflessione sui temi e sulle figure del romanzo: Adso, giovane benedettino con cui è facile identificarsi, nella vicenda affronta e interpreta questioni cruciali come quelle dell'apprendimento, dell'innamoramento e della nostalgia; Guglielmo, l'investigatore in cerca della verità dei fatti, visto da alcuni ragazzi come personalità dall'atteggiamento saccente; e ancora Guglielmo e padre Jorge, con il suo veto di leggere «certi» libri e il suggerimento di non ridere, che danno il provocatorio titolo all'intervento.
 
Tra le prossime iniziative di «Un libro, una città» c'è anche lo spettacolo teatrale «Il nome della rosa» in scena al Sociale dal 22 al 25 marzo.
Omaggio a Umberto Eco nel secondo anniversario della scomparsa, lo spettacolo, grazie alla ri-scrittura drammaturgica di Stefano Massini, porta in scena un racconto dal ritmo serrato, capace di unire la tensione del giallo a momenti di ironica leggerezza.
La regia è di Leo Muscato, gli interpreti sono Eugenio Allegri, Giovanni Anzaldo, Renato Carpentieri, Luigi Diberti, Luca Lazzareschi.
La produzione è del Teatro Stabile di Torino e del Teatro Stabile di Genova.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone