Home | Sport | Basket | Kuban in versione schiacciasassi: la Dolomiti Energia cede 97-69

Kuban in versione schiacciasassi: la Dolomiti Energia cede 97-69

I bianconeri nel primo tempo rimontano dal -20 fino al pareggio, ma poi il Lokomotiv dimostra perché rimane l’unica squadra ancora imbattuta in EuroCup

image

>
Prima sconfitta per la Dolomiti Energia Trentino nelle Top 16 di 7Days EuroCup: i bianconeri nel Round 2 cedono 97-69 in casa del Lokomotiv Kuban, che vola da solo in testa al girone G e che rimane l’unica formazione ancora imbattuta nella seconda coppa europea.
Un primo tempo sulle montagne russe, rimontando dal -20 fino a rimettere il punteggio in perfetta parità, poi i padroni di casa hanno imposto il proprio ritmo e il proprio dominio a rimbalzo e nella gestione del ritmo partita: 11 punti per Silins e Franke, gli ultimi ad alzare bandiera bianca assieme ad un Flaccadori da 10 punti e 3 assist.
La Dolomiti Energia sabato 13 gennaio alle ore 20.30 (biglietti disponibili online a questo link) si giocherà contro la capolista Sidigas Avellino il pass per le Final 8 di coppa Italia nell’ultima giornata del girone di andata in Serie A, un’altra partita imperdibile per gli appassionati di basket del PalaTrento.
A questo link le info su come abbonarsi a tutti i match casalinghi dell’Aquila nella seconda parte di stagione in campionato ed EuroCup.


 LA CRONACA DEL MATCH 
Sutton è subito protagonista in attacco con 4 punti consecutivi, ma Trento soffre in difesa e pasticcia in attacco: ne viene fuori un parziale di 14-4 in favore dei padroni di casa suggellato da tripla con fallo subito di Antipov. Gli ingressi di Gutiérrez e Hogue non cambiano l’inerzia della partita: dopo un canestro dalla media di Shields i russi piazzano un nuovo break di 14-0 che fa sprofondare i bianconeri a meno 20 dopo 7’ di gioco (26-6). La difesa dei trentini ingrana solo verso il finale di quarto, ma anche grazie ai canestri di Sutton, Flaccadori e Hogue contribuisce al 29-16 con cui si chiude il primo parziale.
Quattro punti consecutivi della guardia bergamasca danno ulteriore slancio al break bianconero, che col passare dei minuti si trasforma in una valanga travolgente: Gutiérrez è ovunque, Silins e Hogue colpiscono attaccando il ferro. Il Lokomotiv è inceppato in attacco e gli ospiti trovano un inaspettato pareggio a quota 30 con una schiacciata del lettone.
Il Kuban, sotto 14-1 nel secondo quarto, si ridesta con una tripla di Babb e un canestro in contropiede di Elegar che spinge coach Buscaglia al timeout (37-31). Il lungo ex Milano non si ferma più (14 all’intervallo), lo fa invece l’attacco di Trento che ricomincia a soffrire la fisicità dei padroni di casa.
 
Tornati a +13 alla pausa lunga, i ragazzi di coach Obradovic producono il massimo sforzo della propria partita e allungano fino al 66-37 che sembra mettere la parola fine all’incontro con qualche minuto da giocare nel terzo quarto.
Un 10-0 trentino chiuso dalla tripla di Franke riporta gli ospiti sotto i 20 di scarto, ma il “Loko” non si scompone e continua a macinare gioco in attacco e difesa. Silins, Franke e Flaccadori non mollano la presa fino al termine, la sirena finale chiude la contesa sul 97-69.
 
 MAURIZIO BUSCAGLIA 
(Coach Dolomiti Energia Trentino)
«Il Lokomotiv ha vinto la partita con merito, ha vinto in ogni aspetto del gioco ancora prima che nel risultato: hanno difeso molto bene e attaccato altrettanto bene, noi abbiamo avuto un brutto impatto sulla partita e nell’unico momento in cui abbiamo recuperato nel secondo quarto ci è mancata un po’ di lucidità.
«Abbiamo sbagliato un paio di tiri che ci potevano tenere più vicini nel punteggio, ma da lì in poi i nostri avversari sono stati davvero molto solidi: hanno avuto la meglio nella lotta a rimbalzo, hanno tenuto alte percentuali al tiro in tutti i 40’, ci hanno fatto soffrire in attacco.
«La nostra prestazione non eccellente sommata alla forza d’urto di una squadra attrezzata come il Lokomotiv ha avuto come risultato il 97-69 finale.
«Queste partite contro formazioni di così alto livello e in competizioni di così alto livello però sono importanti, possono aiutarci ad imparare a giocare sopra la fatica e in momenti non brillanti, o affrontando lunghe trasferte; ci possono aiutare a fare esperienza e a crescere come singoli e come squadra.»
 
 IL TABELLINO 
 Lokomotiv Kuban Krasnodar 97 - Dolomiti Energia Trentino 69
(29-16, 45-32; 71-47)
 
Lokomotiv Kuban Krasnodar: Collins 11 (3/7, 0/2), Antipov 6 (1/2, 1/2), Baburin ne, Lacey 12 (4/4, 1/1), Ivlev, Ilnitskiy ne, Khvostov 3 (0/1, 1/1), Elegar 14 (5/6), Babb 17 (1/1, 5/7), Kulagin 8 (2/3, 0/3), Qvale 6 (2/5), Broekhoff 20 (2/3, 5/10). Coach Obradovic.
Dolomiti Energia Trentino: Franke 11 (3/4, 1/2), Sutton 7 (1/2, 1/1), Silins 11 (4/4, 1/4), Forray 4 (2/5, 0/2), Flaccadori 10 (3/4, 0/1), Gutiérrez 8 (3/5, 0/3), Gomes (0/1, 0/2), Hogue 8 (2/4), Lechthaler 2 (0/1), Shields 8 (2/6). Coach Buscaglia.
Arbitri: Zamojski (Pol), Radojkovic (Cro), Mitrovski (Mac).
Note: Tiri da due: Kuban 20/32, Trentino 20/36. Tiri da tre: Kuban 13/26, Trentino 3/15. Tiri liberi: Kuban 18/23, Trentino 20/26. Rimbalzi: Kuban 34 (5 giocatori con 4), Trentino 19 (Gutiérrez 4). Assist: Kuban 28 (Kulagin e Lacey 7), Trentino 14 (Shields e Flaccadori 3). Recuperi: Kuban 15 (Babb e Broekhoff 4), Trentino 12 (Silins 4).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone