Home | Interno | Rovereto | Riqualificazione Follone: idee per un percorso condiviso

Riqualificazione Follone: idee per un percorso condiviso

Le inedite comparazioni alla mostra «Follone, idee per un percorso condiviso» che sarà inaugurata il 15 gennaio all’Urban Center di Rovereto, C.so Rosmini

image

>
E più grande il Follone o il Colosseo?
Quanti Mart potrebbero starci dentro il Follone?
E uno Stadio Quercia ci starebbe?
La risposta è quanto mai imprevedibile: l’area del Follone è paragonabile a buona parte del Colosseo, sulla superficie ci starebbero due Mart o, in alternativa, uno Stadio Quercia.

Ma le sorprese non mancano: due piani sovrapposti del Follone potrebbero essere gli hangar di almeno 6 jet dell’aeroporto JFK di New York.
L’estensione del Follone è analoga a quella del percorso dalla piazza delle Oche a quella del Grano (Battisti - Malfatti) che, sull’asse nord-sud, rappresenta una buona parte dell’attraversamento del centro storico di Rovereto.
La dimensione è paragonabile a quella dell’ospedale di Santa Maria del Carmine e assimilabile a quello di Castel Beseno con parte delle foreste che lo circondano.
Se invece trasportassimo il Follone a Venezia, richiederebbe qualcosa di più di Piazza San Marco.
Sono solo alcune delle inedite comparazioni che accompagnano i pannelli della mostra Follone, idee per un percorso condiviso che sarà inaugurata il 15 gennaio all’Urban Center di Rovereto (C.so Rosmini – ore 17,30).
 
L’iniziativa proposta dall’Assessorato all’Urbanistica del Comune di Rovereto, intende promuovere la partecipazione della cittadinanza attorno ai contenuti di un progetto strategico per il futuro della Città.
La mostra – che si avvale anche di una suggestiva sezione fotografica - è un primo passo verso la discussione e la partecipazione pubblica del progetto definitivo del quale è stato incaricato lo studio di Architettura dell’Arch. Mario Agostini, che è il curatore della mostra.
«L'iniziativa intende offrire una visione inedita (e persino divertente) dell'area del Follone grazie ad elaborati fotografici e di computer grafica che fanno già parte dell’analisi meta-progettuale ed hanno lo scopo di favorire l’auspicato percorso di confronto e discussione» spiega l’assessore all’Urbanistica Maurizio Tomazzoni.
Gli elaborati saranno a disposizione per oltre un mese al piano terra della Sala Kennedy e al piano interrato fino al15 febbraio p.v..
Durante il periodo della mostra saranno promossi anche eventi collaterali (incontri e confronti).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone