Home | Interno | Tornerà a essere giornaliero il servizio postale in Trentino

Tornerà a essere giornaliero il servizio postale in Trentino

È il frutto di una convenzione triennale tra Provincia e Poste Italiane che verrà perfezionata in settimana a Roma – Ci costerà 3,5 milioni all’anno

Tornerà ad essere giornaliero il servizio di consegna dei quotidiani e della posta urgente in Trentino. Grazie ad una convenzione fra la Provincia e Poste Italiane, approvata oggi dalla Giunta provinciale, la consegna avrà frequenza quotidiana nei giorni feriali, ovvero dal lunedì al sabato.
Nel mese di dicembre, infatti, la società postale, in seguito ad un nuovo piano industriale, aveva iniziato ad effettuare il recapito a giorni alterni in 156 comuni del Trentino, che in 46 comuni interessava anche la consegna dei quotidiani.
La convenzione prevede inoltre l'implementazione di una serie di servizi sperimentali e, come conseguenza di queste nuove attività, l’assunzione di nuovo personale.
La convenzione, che avrà una durata triennale, per un intervento finanziario in carico alla Provincia pari a 10.612.170 euro in tre anni, disciplina l’assunzione da parte di Poste Italiane di un obbligo di servizio pubblico aggiuntivo, volto ad integrare il servizio postale universale, attraverso ulteriori modalità di raccolta e recapito della posta agli abitanti delle zone rurali e montane.
 
In particolare, si interviene sulla consegna dei prodotti editoriali, come ad esempio i giornali, considerando anche l’elevato numero di abbonamenti che tradizionalmente interessa il nostro territorio e della posta urgente.
I prodotti editoriali saranno consegnati dunque con frequenza quotidiana, anche il sabato, secondo gli standard previsti per tali prodotti.
Il rafforzamento del servizio di consegna dei quotidiani migliorerà anche il servizio postale nel suo insieme, creando un circolo virtuoso che rafforzerà e renderà più rapida anche la consegna di tutti gli altri prodotti postali.
L’ intervento della Provincia dovrebbe, inoltre, aprire la strada a nuove assunzioni.
Si riesce così a coniugare l’esigenza di razionalizzazione e di riorganizzazione dei servizi postali, ritenuti in parte diseconomici da Poste Italiane, con l’interesse delle istituzioni territoriali di garantire un elevato livello di diffusione dei servizi, considerando le caratteristiche territoriali e orografiche del territorio trentino.
 
La convenzione prevede, inoltre, altri servizi aggiuntivi a carattere sperimentale, come l’installazione di cassette, in zone periferiche, destinate al recapito degli invii per i cittadini che lo richiedano e di 10 cassette di colore azzurro per la corrispondenza internazionale.
Prevista anche l’installazione di un locker sperimentale per il recapito e la consegna di pacchi relativi al comparto e-commerce, misura che potrà essere incrementata, l’utilizzo da parte di Poste di 20 mezzi ecologici, l’accesso wifi in tutti gli uffici postali e strumentazioni a disposizione dei portalettere per i servizi elettronici.
C’è, infine, l’impegno di Poste Italiane a non ridurre l’attuale numero di Uffici localizzati nei comuni con meno di 5.000 abitanti.
Con queste misure la Provincia intende rafforzare e migliorare la coesione sociale della propria comunità, valorizzando l'autogoverno e garantendo un servizio fondamentale per un territorio di montagna.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone