Home | Interno | La Polizia di Stato lancia la APP denominata «YOU POL»

La Polizia di Stato lancia la APP denominata «YOU POL»

Una volta scaricata nel proprio cellulare sarà semplicissimo chiamare la polizia per qualsiasi evento

image
Prima del servizio desideriamo precisare come la logica della presente iniziativa parta da due considerazioni. La prima è che tutti i giovani sono dotati di telefonino, la seconda è che cliccare una app è molto meno impegnativo che sporgere denuncia.
Per questo la campagna promossa per la diffusione di questo applicativo si rivolge principalmente ai giovani per il contrasto al bullismo e allo spaccio di droga.
In realtà però è consigliabile che tutti i cittadini scarichino questa app perché può essere utilissima in caso di necessità personale o comunque quando si assista a qualche tipo di reato.
Il dispositivo consente anche l’invio della foto, nel qual caso l’aiuto fornito alle Forze dell’Ordine sarà ottimale.

La Polizia di Stato ha presentato questa mattina l’APP denominata «YOU POL» già operativa nelle città di Roma, Milano e Catania dal novembre del 2017.
L’APP ha lo scopo di permettere a tutti, giovani e adulti, di interagire con la Polizia di Stato, consentendo l’invio di segnalazioni di episodi di bullismo o di spaccio di sostanze stupefacenti.
L’applicativo, nato dalla ferma convinzione che ogni cittadino è parte responsabile ed attiva nella vita democratica del Paese, è facilmente «scaricabile» su tutti gli smartphone e tablet accedendo alle piattaforme di Apple Store, per i sistemi operativi IOS, e Play Store, per i sistemi operativi Android.
 
Grazie a «YOU POL» è possibile inviare immagini o segnalazioni scritte direttamente alla sala operativa della Questura, anche se il segnalante si trova in una provincia diversa.
Sarà consentito pertanto denunciare all’autorità di polizia fatti di cui si è testimoni diretti (anche mediante foto o immagini acquisite sul proprio dispositivo) ovvero notizie di cui si è appreso in forma mediata (link, pagine web, ricezione messaggi, informazioni orali etc.).
La descritta progettualità garantisce inoltre la cosiddetta «georeferenziazione» (localizzazione esatta) immediata del dispositivo segnalante e del luogo interessato dall’evento (anche se distanti tra loro).
 
Tra le opzioni possibili per l’utente di YOU POL vi è anche quella che consente di effettuare una chiamata di emergenza (attraverso il pulsante di colore rosso con la scritta «chiamata di emergenza») alla sala operativa (113 o 112 NUE qualora presente) ubicata nella provincia ove l’utilizzatore si trova.
L’applicazione ha sinora riscosso un considerevole successo tra i cittadini. Basti pensare che dal mese di novembre 2017 sono circa 20.000 i download effettuati da utenti Apple ed Android e quasi 300 le segnalazioni giunte alle sale operative delle Questure di Roma, Catania e Milano.

Cliccando l'immagine che segue si apre la presentazione del funzionamento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone