Home | Sport | Calcio | Il Trento cede alla Pergolettese e resta fermo a quota 27

Il Trento cede alla Pergolettese e resta fermo a quota 27

I lombardi della Pergolettese non fanno sconti e passano per 4 a 0 al «Briamasco»

image

 
Seconda sconfitta consecutiva per il Trento, che al «Briamasco» cede per 4 a 0 alla Pergolettese nella settima giornata di ritorno del campionato di serie D.
Gli aquilotti partono bene, reagiscono allo svantaggio sfiorando a più riprese il pari, ma poi cadono sotto i colpi di una delle formazioni più attrezzate del girone.
La squadra gialloblù resta ferma a quota 27 in classifica, a più otto sulla Grumellese, terz'ultima della fila, e domenica prossima osserveranno un turno di riposo.
Furlan e compagni torneranno in campo mercoledì 21 contro il Levico Terme.
 

 
  Live match  
Il tecnico di casa Filippini si affida al «3-5-2» con Bertaso interno di metà campo e Furlan esterno sulla sinistra.
Formazione «tipo», invece, per la Pergolettese con l'ex De Paola che propone il «4-3-3» visto nelle ultime settimane.
Inizio volitivo e propositivo degli aquilotti che si fanno vedere nella metà campo avversaria con la conclusione di Furlan e un filtrante di Bardelloni per Zecchinato, con la difesa che sventa in corner: sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Sorbo incorna alto di poco.
Il Trento gioca meglio in questa fase e al 19' ancora Sorbo gira di testa su corner, ma l'inzuccata del difensore centrale tocca la traversa e termina sul fondo.
La Pergolettese fatica a trovare spazi ma, con il passare dei minuti, i lombardi alzano il baricentro e al 32' Poesio calcia a botta sicura da dentro l'area ma incoccia un compagno nei pressi della linea di porta.
 

 
Passano tre minuti e gli ospiti vanno in vantaggio: calcio piazzato per la squadra cremasca, Festa contrasta in uscita Ferrario ma il pallone arriva sui piedi di Poesio che insacca di prima con un gran tiro sotto la traversa.
Nella ripresa la Pergolettese sfiora subito il raddoppio: Ferrario s'incunea in area e calcia a botta sicura ma il pallone colpisce il palo, riprende Boschetti, il cui tiro viene respinto da Kostadinovic.
Dopo aver inserito Pangrazzi (per Bertaso), mister Filippini getta nella mischia anche Aperi al posto di Bortoli, passando al «4-2-4» e il Trento torna a premere, sfiorando il pari in tre occasioni.
Al 57' grande incornata di Sorbo e miracolo di Leoni che, sul prosieguo dell'azione, è super anche sulla rovesciata di Zecchinato.
Un minuto dopo il centravanti del Trento incorna in tuffo da distanza ravvicinata, trovando ancora la pronta risposta del numero uno cremasco.
 
Dal possibile pareggio al raddoppio ospite passano due minuti: conclusione da fuori area senza pretese di Manzoni, sfortunata deviazione di Sorbo e Festa è battuto.
La Pergolettese segna il 3 a 0 al 69' con il colpo di testa in tuffo di bomber Ferrario e realizza la quarta marcatura con Brero, che al 74' gira di testa in rete un corner dalla sinistra.
Finisce 4 a 0 per la Pergolettese. Il Trento resta fermo a quota 27 in classifica e domenica prossima osserverà il proprio turno di riposo.
La squadra di Antonio Filippini tornerà in campo mercoledì 21 febbraio nel turno infrasettimanale, quando sarà ospite del Levico Terme.
 

 
  Il tabellino dell'incontro  
TRENTO - PERGOLETTESE 0-4
 
TRENTO (3-5-2): Festa; Carella, Kostadinovic, Sorbo; Paoli, Dadson (36'st Bacher), Bortoli (6'st Aperi), Bertaso (1'st Pangrazzi), Furlan (19'st Appiah); Zecchinato (27'st Boldini), Bardelloni.
A disposizione: Matin, Toscano, Casagrande, Ferraglia.
Allenatore: Antonio Filippini.
PERGOLETTESE (4-3-3): Leoni; Brero (41'st Premoli), Baggi, Contini, Villa; Poesio, Manzoni (15'st Guerci), Dragoni (31'st Piras); Morello (25'st Peri), Ferrario, Boschetti (36'st Fantinato).
A disposizione: Ghirlandi, Armanni, Rossi.
Allenatore: Luciano De Paola.
ARBITRO: Cannata di Faenza (Lafandi di Locri e Cordani di Piacenza).
RETI: 35'pt Poesio (P), 14'st Manzoni (P), 24'st Ferrario (P), 29'st Brero (P).
NOTE: spettatori 450 circa. Campo in buone condizioni. Ammoniti Furlan (T) per gioco falloso, Zecchinato (T) e Pangrazzi (T) per comportamento non regolamentare. Calci d'angolo 10 a 4 per il Trento. Recupero 1' + 3'.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone