Home | Interno | Operativo il nuovo capolinea di Castellano

Operativo il nuovo capolinea di Castellano

Conclusi i lavori di realizzazione del capolinea delle corriere a Castellano

image

 
Sono ormai conclusi i lavori di realizzazione del capolinea delle corriere a Castellano, nella parte alta del paese, che ha «debuttato» dimostrando la sua utilità in occasione de «Il Natale dei ricordi - El nos Nadàl», la manifestazione che in due week-end di dicembre ha animato la frazione montana.
Ora il servizio è entrato a pieno regime e trasporta quotidianamente studenti e pendolari nel tragitto casa scuola o casa lavoro.
Grande è la soddisfazione da parte dell’amministrazione comunale, che con questo intervento garantisce un collegamento comodo e in piena sicurezza per tutti gli abitanti della frazione, oltre ad agevolare anche il lavoro dei conducenti.
Tra le altre cose, il nuovo capolinea libera il parcheggio in centro al paese, in prossimità della chiesa.
 
Il Comune aveva a suo tempo espropriato l’area e poi il cantiere è stato curato da Trentino Trasporti, che ha seguito anche la progettazione.
Il piazzale dispone ora di due stalli per le corriere e di un terzo, adiacente al marciapiede nella parte più alta, dove sarà presto posata anche la pensilina.
Questo punto servirà dunque anche per la salita e la discesa dei passeggeri, mentre gli altri due posti fungono da parcheggio, anche per la sosta notturna.
Sono stati segnati sul terreno anche due posti auto, riservati ai conducenti che qui prendono servizio per il proprio lavoro.
 
Sulla strada, che è allo stesso livello del piazzale, sono state tracciate bande di rallentamento ottiche e strisce pedonali, queste ultime segnalate anche dal cartello sopraelevato e da apposita illuminazione.
Si era pensato anche a bande sonore, ma l’ipotesi è stata esclusa perché una tale opera si sarebbe danneggiata quasi sicuramente con il lavoro degli spartineve.
Il capolinea è collegato al paese attraverso le già citate strisce pedonali che attraversano la provinciale. Sull’altro lato, il lavoro è completato dal marciapiede e dal parapetto in legno che arrivano fino alla via don Zanolli.
Da qui in poi, un ulteriore pezzo di marciapiede è stato realizzato direttamente dall’amministrazione comunale, completando il collegamento in sicurezza.
 
Nella parte più a valle del capolinea è stato messo in opera un pozzetto a dispersione: serve per convogliare le acque meteoriche e impedire alle stesse di fluire verso le condotte delle acque bianche comunali appesantendone il lavoro.
Per realizzare la spianata, è stato necessario fare un piccolo sbancamento.
Nella parte più interna è stata quindi realizzata una terra armata che sostiene la campagna sovrastante.
La «parete» di terra è stata già oggetto di «idrosemina», così in primavera potrà rinverdirsi e risultare anche più gradevole da vedere.
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone