Home | Sport | Olimpiadi di PyeongChang | Primo oro per l'Italia grazie a un'immensa Arianna Fontana

Primo oro per l'Italia grazie a un'immensa Arianna Fontana

La portabandiera nazionale Trionfa alla grande nei 500: è leggenda olimpica

image

>
I cinque cerchi ormai ce l'ha tatuati sul cuore.
Sono il tratto distintivo e indelebile della sua storia bella e vincente.
La regina dello short track tricolore, Arianna Fontana, ha conquistato l’oro nei 500 metri al Gangneung Ice Arena regalando all’Italia la seconda medaglia a PyeongChang2018 e salendo per la quarta edizione consecutiva sul podio dei Giochi Olimpici.
Da Torino 2006 (bronzo in staffetta), passando per Vancouver (bronzo) e Sochi (due bronzi e un argento) fino in Corea del Sud, lassù, nell’Olimpo dei grandi, c’è sempre lei.
Stavolta si è messa al collo la medaglia più preziosa, quella che le mancava: l'Italia torna sul gradino più alto del podio dopo 8 anni di digiuno (ultimo successo a Vancouver 2010 firmato Giuliano Razzoli nello slalom).
 
La portabandiera, la più giovane medagliata azzurra di sempre a livello invernale, la prima olimpionica degli Sport del Ghiaccio, l’icona di un movimento che ruota intorno al suo talento, la campionessa dal sorriso speciale e dallo sguardo magnetico che in pista non fa sconti.
Stasera ha prima dominato i quarti, vincendo la sua batteria, poi è stata protagonista di una semifinale pazzesca, in cui ha realizzato il suo primato personale (42"635 contro il 42”829 realizzato a Salt Lake City a novembre 2016) cedendo la scena solo alla coreana Choi, capace di realizzare il record olimpico (42"422). Infine la finale, fatta di adrenalina e di emozioni forti.
Roba da fuoriclasse puri e campioni immensi. Arianna ha condotto dall'inizio, senza cedere alla paura, migliorando ancora il personale (45"569).
È una leggenda da raccontare: alle sue spalle l'olandese van Kerkhof e la canadese Boutin, squalificata la padrona di casa Choi.
È festa tricolore, la prima in Corea. E ha il volto della portabandiera: Arianna, una stella - verde, bianca e rossa - diventata mito.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone