Home | Golf | Campionati Golf 2018 | Golf – Matteo Manassero secondo nell’Hero Indian Open

Golf – Matteo Manassero secondo nell’Hero Indian Open

Conduce l’argentino Emiliano Grillo con 2 colpi di vantaggio sull’azzurro – Buona prova di E. Molinari (26°), in ritardo Bertasio e Paratore

Matteo Manassero è al secondo posto con 67 (-5) colpi nell’Hero Indian Open, torneo dell’European Tour, allestito in collaborazione con l’Asian Tour, che si sta svolgendo sul percorso del DLF G&CC, a Nuova Delhi in India.
Il giro è stato sospeso per oscurità, ma lo hanno concluso anche gli altri italiani in campo: Edoardo Molinari, 26° con 71 (-1), Nino Bertasio, 86° con 75 (+3), e Renato Paratore, 109° con 77 (+5).
 
Nella classifica provvisoria è al vertice l’argentino Emiliano Grillo con 65 (-7) e Manassero è affiancato dallo spagnolo Pablo Larrazabal e dallo statunitense Paul Peterson, ma hanno lo stesso meno 5 anche il francese Adrien Saddier, fermato alla buca 17, e il sudafricano Keith Horne, stoppato alla 16, che possono ottenere una posizione migliore.
Nella gara vinta nelle prime tre edizioni da atleti indiani sono un po’ in ritardo i giocatori di casa più attesi: Anirban Lahiri (a segno nel 2015), 37° con 72 (par), il leader della money list Shubhankar Sharma, 57° con 73 (+1), che ha appena ricevuto un invito per il prossimo Masters (5-8 aprile, Augusta), primo major dell’anno, e S.S.P. Chawrasia, che si è imposto nel 2016 e 2017, 73° con 74 (+2).
 
Emiliano Grillo, 25enne di Resistencia senza titoli nell’European Tour, ma con uno nel PGA Tour, ha segnato otto birdie e un bogey. Matteo Manassero, lo scorso anno terzo, miglior risultato della stagione, e Pablo Larrazabal sono andati di pari passo con nove birdie, due bogey e un doppio bogey, evento piuttosto insolito quando il cammino è così articolato.
Da rilevare la disavventura dello spagnolo, che si è svegliato appena 38 minuti prima della partenza ed è comunque riuscito a siglare un ottimo score, pur arrivando trafelato sul tee all’ultimo momento e senza aver fatto riscaldamento.
 
Per Edoardo Molinari cinque birdie e quattro bogey, per Nino Bertasio due birdie, un bogey e due doppi bogey e per Renato Paratore tre birdie, sei bogey e un doppio bogey.
Il montepremi è di 1.750.000 dollari (circa 1.413.000 euro).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone