Home | Economia e Finanza | Industria | Siglata la compravendita: «Operazione Tassullo» conclusa

Siglata la compravendita: «Operazione Tassullo» conclusa

Rami d’azienda, Stabilimenti, Gallerie e marchi della Tassullo Materiali SPA sono stati acquisiti dalla Miniera San Romedio Srl

Con la firma tra le parti coinvolte, avvenuta questa mattina in sede notarile a Trento, giunge al termine la complessa operazione di cessione dei rami d’azienda della Tassullo Materiali SpA, avviata nella primavera del 2016.
Ad aggiudicarsi il pacchetto azionario a seguito di una gara pubblica d’appalto con un’offerta di 5 milioni e 945 mila euro, Miniera San Romedio Srl, una cordata partecipata da realtà locali: Covi Costruzioni Srl, maggiore azionista con il 46,15%, affiancata da Co.Beton Srl 15,39%, Isa SpA 7,69%, e Tassullo Investitori 30,77%, che raggruppa Misconel Srl, Elettrica Srl di Cesare Cattani, Gruppo Tama SpA, Lamtex Srl, oltre a due investitori privati locali, Franco Fellin per STP Srl, e la Roberto Fondriest.
Il lotto acquisito include gli stabilimenti di Tassullo e Mollaro, le cave di Pozzelonghe e Bouzen, il 77% del capitale sociale della Tassullo Beton Srl, il 70% del capitale sociale della Hd System Srl, il 100% del capitale sociale della Ir srl. 
Nell’atto sono compresi anche i contratti con i dipendenti rimasti nella Tassullo Materiali, i marchi di proprietà di Tassullo SpA e il 60% del capitale della Cae.
 
Nella delicata operazione di passaggio sono intervenuti anche i sindacati - Sandra Ferrari, Fillea Cgil, Fabrizio Bignotti, Filca Cisl, Matteo Salvetti, Feneal Uil - che in Assemblea hanno approvato l’accordo, condizione necessaria per avere il via libera al passaggio di proprietà. Salvaguardati 39 lavoratori, di cui 1 dirigente, 17 impiegati, 21 operai.
Il Piano Industriale di Miniera San Romedio prevede investimenti nella ricerca e sviluppo di nuovi materiali per l’edilizia sostenibile, il rinnovo degli impianti produttivi, tutto supportato da una leadership tecnologica, flessibilità della struttura, team qualificati e qualità dei prodotti, naturali, fatti con materie prime selezionate e di origine controllata come la calce e la dolomia del Trentino, destinati all’edilizia sostenibile.
La nuova proprietà dichiara che, compatibilmente all’andamento aziendale e del mercato, sono previsti investimenti stimati di circa 5 milioni di euro.
 
«Da subito intendiamo dare nuovo slancio alla ricerca sui materiali avviando dei progetti di ricerca interni e in collaborazione con le migliori università mettendo a disposizione importanti investimenti per la R&D, – afferma Matteo Covi, presidente della nuova San Romedio Srl. – Ci concentreremo sulla ripartenza basandoci su ciò che Tassullo ha sempre fatto, e bene, continuando a essere un punto di riferimento per il mercato.
«La sfida sarà il rilancio del marchio, ma partiremo prima ancora dal territorio, dai suoi valori, e dalle persone che hanno contribuito al know how secolare di Tassullo.
«Contiamo sulla fiducia della famiglia aziendale per portare avanti con serenità e forza la rinascita di questa azienda, auspicando ritorni in breve tempo ad essere portavoce e punto di riferimento del mercato in cui opera.»
 
Sicuramente un’operazione frutto degli sforzi e degli importantissimi investimenti di un gruppo coeso e unito, e di forte valore per la collettività, poiché vede l’assegnazione a un soggetto locale, evitando così la frammentazione o diversità di obiettivi che sarebbero potuti derivare da player nazionali interessati a sfruttare le sole cave senza voler proseguire l’attività industriale e quella in ipogeo, fiore all’occhiello riconosciuto in tutto il mondo.
Soddisfatti i nuovi amministratori, i dipendenti e le maestranze, per l’obiettivo raggiunto di mantenere una vendita unitaria dell’azienda e preservarne così il valore per la collettività e il territorio.
Ora, pronti al rilancio con l’obiettivo di riportare Tassullo ai vertici europei.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone