Home | Economia e Finanza | Agricoltura | Campi incolti? C'è la Banca della Terra

Campi incolti? C'è la Banca della Terra

Si tratta di un censimento di terreni pubblici e privati incolti che i proprietari mettono a disposizione di chiunque desideri rimetterli in produzione

Campi incolti, stop allo spreco. Il futuro dei giovani può ricominciare dalla campagna. È questo il senso della Banca della Terra, istituita anche in Trentino.
Si tratta di un censimento di terreni pubblici e privati incolti che i proprietari mettono a disposizione di chiunque desideri rimetterli in produzione.
L'iniziativa ha la finalità di contrastare l’abbandono dei terreni e delle produzioni agricole e di favorire il ricambio generazionale in agricoltura.
Il progetto, infatti, offre anche ai giovani aspiranti agricoltori che non hanno fondi di proprietà di poter reperire terreni da coltivare.
 
A tal proposito è interessante l'indagine di Coldiretti che afferma come «L’Italia sia leader in Europa nel numero di giovani in agricoltura per il crescente interesse delle nuove generazioni per il lavoro in campagna dove hanno portato profonde innovazioni con multi-attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo e altro ancora. Ma insieme alla burocrazia e all’accesso al credito, la disponibilità dei terreni – precisa Coldiretti – rappresenta il principale ostacolo alle aspirazioni dei tanti giovani che vogliono lavorare in agricoltura. Il 50% delle imprese agricole già esistenti condotte da giovani ha bisogno di disponibilità di terra in affitto o acquisizione, secondo una indagine Coldiretti/Ixè. In Italia – continua Coldiretti – il costo della terra è in media superiore a quello di Germania e Francia.»
«Incentivare la presenza dei giovani significa sostenere la competitività del Paese», ha affermato Maria Letizia Gardoni presidente dei giovani della Coldiretti nel sottolineare che «secondo una recente indagine infatti le aziende agricole dei giovani possiedono una superficie superiore di oltre il 54% della media, un fatturato più elevato del 75% della media e il 50% di occupati per azienda in più.»
 
 COSA E' LA BANCA DELLA TERRA 
La Banca della Terra consiste in un inventario dei terreni pubblici e privati incolti, che i proprietari possono mettere temporaneamente a disposizione di quanti ne facciano richiesta per rimetterli in produzione.
La finalità è quella di raccordare fenomeni di abbandono e mancata coltivazione, maggiormente evidenti nelle aree marginali del territorio e concorrenti alla riduzione delle potenzialità produttive rurali e al degrado paesaggistico, con l'esigenza di facilitare il reperimento sul mercato fondiario di superfici, per l'avviamento di nuove imprese agricole.
Funge, pertanto, da punto di incontro fra domanda ed offerta e potrà diventare uno strumento prezioso di presidio e salvaguardia dei territori, attirando l'attenzione su aree, che spesso sono trascurate e nel contempo offrite la possibilità a giovani, che hanno intenzione di dedicarsi all'agricoltura, anche se non provenienti da famiglie di agricoltori o non possedendo terreni propri, di reperire appezzamenti disponibili.
Questo permetterà un ricambio generazionale, o il consolidamento delle imprese agricole già esistenti.
 
 IL RUOLO DELLA COMUNITA' 
Spetta alle Comunità, nell’ambito degli studi propedeutici alla formazione del proprio Piano territoriale (PTC), effettuare un censimento dei terreni abbandonati o incolti, nonché delle aree forestali da riportare all’uso agricolo presenti nel proprio territorio, anche mediante collaborazione con i Comuni territorialmente interessati, ai fini del possibile inserimento nella Banca della Terra. Anche altri soggetti, quali i consorzi di miglioramento fondiario per conto dei propri associati, le organizzazioni professionali agricole, i liberi professionisti abilitati in materia agraria e forestale, possono chiedere alla Comunità territorialmente competente di inserire nella Banca della Terra altri terreni che abbiano i requisiti richiesti.
Di tutto ciò si parlerà a Terragnolo venerdì 16 marzo ore 18.00, nella Sala Civica G. Mattuzzi, Frazione Piazza, 14 con l'Assessore all'Ambiente della Comunità della Vallagarina Mauro Mazzucchi, il Sindaco Lorenzo Galletti, la dott.ssa Marta Da Vià, Dirigente provinciale Unità di Supporto al Dipartimento Ambiente e Agricoltura: il dott. Diego Bleggi, Direttore Ufficio Agricolo periferico di Rovereto e il dott. Gian Antonio Tonelli, Direttore Ufficio Tecnico per l'Agricoltura di Montagna.
A cura della Comunità della Vallagarina in collaborazione con il Comune di Terragnolo e la Provincia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone