Home | Sport | Ciclismo & Bike | Il 20 aprile a Innsbruck un gran finale con vista sul Mondiale

Il 20 aprile a Innsbruck un gran finale con vista sul Mondiale

La capitale del Tirolo ospiterà l’ultima tappa del Tour of the Alps con partenza da Rattenberg e due passaggi del circuito degli UCI Road World Championships

image

Sulle strade di Innsbruck - Credits: Tirol Werbung.
 
Il Tour of the Alps, l’evento ciclistico euro-regionale in programma dal 16 al 20 Aprile, si chiuderà con una giornata ad alto livello agonistico.
Lo conferma lo sviluppo tecnico della quinta e ultima tappa (Rattenberg - Innsbruck 164,2 Km) con gli atleti che andranno a giocarsi la vittoria finale sul circuito dei prossimi UCI Road World Championships.
A cinque mesi dall’evento che assegnerà la maglia iridata, Innsbruck e il Tirolo già respireranno l’atmosfera del grande ciclismo.
Partenza da Rattenberg, la città storica più piccola d’Austria, nonché sede del via delle cronometro iridate, per la tappa conclusiva del Tour of the Alps che propone un tracciato intrigante e ricco di difficoltà altimetriche.
 
I primi 55 Km si snodano sulla Valle dell’Inn ma una volta superato l’abitato di Brixlegg la strada si inerpica lungo il versante della Alpbachtal, verso il primo GPM della tappa, posto in prossimità di Alpbach, «il villaggio floreale più bello d'Europa», dopo 64,1 km. Saranno 8,3 km al 6,4% di pendenza media ad imporre la prima selezione.
Dopo una lunga discesa, si ritrova il fondovalle e successivamente un altro tratto in salita verso Gnadenwald.
Questo tratto di strada è un’anteprima della porzione in linea della prossima gara iridata. Una nuova discesa verso Hall in Tirol e la salita di Aldrans porteranno la carovana sul circuito finale della rassegna iridata del settembre prossimo con il primo passaggio sulla vetta di Olympiaclimb e la successiva discesa verso la periferia di Innsbruck, fino all’imbocco della Olympiastrasse. 
 
Da questo punto (km 127,5) si percorreranno due tornate di una porzione ristretta del circuito mondiale, di 13,8 km ciascuna.
Il secondo passaggio sul culmine della salita (6,7 km al 6%) sarà valido come GPM, mentre il terzo ed ultimo passaggio sulla vetta avverrà a 12,3 km dal traguardo, i primi 6 dei quali in discesa, mentre i restanti nel cuore di Innsbruck ricalcheranno quasi interamente il finale del circuito iridato.
 
Sempre più forte diventa dunque il rapporto tra Innsbruck e la bici a tutto tondo.
«Gradevoli passeggiate, salite impegnative, trail spettacolari: i dintorni di Innsbruck sono perfetti per chi vuole legare il piacere della sfida sportiva a un paesaggio alpino con lifestyle urbano, che sia in bici da corsa o con la Mountain Bike, – ha dichiarato Julia Zraunig, Event Manager dell’Ufficio del Turismo di Innsbruck. – Il Bikepark di Innsbruck - che si appresta ad ospitare una nuova edizione di Crankworx, il Mountain Bike Gravity Festival più importante al mondo - offre numerose opportunità per ogni grado di difficoltà.
«Per tutti gli appassionati di ciclismo, la zona offre percorsi molto piacevoli e particolarmente impegnativi.
«Dalla Valle dell’Inn è infatti possibile salire ad altitudini elevate in pochi chilometri, per esempio arrivando ai 2.020 metri di Kühtai, sempre accompagnati da panorami mozzafiato.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone