Home | Economia e Finanza | Cooperazione | ITAS, l’Assemblea approva le modifiche allo statuto sociale

ITAS, l’Assemblea approva le modifiche allo statuto sociale

Tra le modifiche votate l’introduzione della figura di un Amministratore Delegato e il nuovo regolamento per la nomina del CdA

L’Assemblea dei delegati di ITAS Mutua, riunitasi oggi a Trento sotto la presidenza di Fabrizio Lorenz, ha approvato le proposte di modifica dello Statuto Sociale che avevano già avuto un parere preventivo positivo da parte di IVASS.
Le modifiche votate prevedono in particolar modo l’introduzione nella Mutua della figura di un Amministratore Delegato che viene sollecitato da IVASS, per uniformare l’assetto della Mutua alla prassi degli organi vigilati (banche e assicurazioni in primis).
Negli ultimi mesi il Gruppo ITAS ha lavorato attivamente per rafforzare i presidi dei sistemi di controllo interni, come richiesto dall’IVASS, tramite un potenziamento dell’audit e delle funzioni di compliance e di risk management.
 
Nel corso della seduta è stata inoltre votata l’approvazione del regolamento per la nomina del nuovo CdA che verrà eletto nella prossima assemblea programmata a fine aprile.
La rivisitazione delle norme statutarie è stata votata in un clima di collegialità e serena collaborazione, nel segno dei valori etici che hanno reso ITAS un modello mutualistico all’avanguardia nel panorama assicurativo nazionale.
 

 
«Le modifiche non vanno ad intaccare in alcun modo l’esclusività della natura mutualistica di ITAS, – commenta il presidente Fabrizio Lorenz. – IVASS ci ha mandato un segnale e noi abbiamo accolto tutte le osservazioni in un’ottica di miglioramento, per una naturale evoluzione verso una forma più moderna di Mutua.
«La forza di ITAS risiede proprio nella sua capacità di saper intraprendere scelte oculate, coraggiose ed innovative, con l’intento di salvaguardare sempre le esigenze dei soci assicurati in primo luogo e di tutti i soggetti che ogni giorno operano nella Compagnia.»
 
«I principali temi riguardano l’introduzione della figura dell’amministratore delegato e la norma sulla remunerazione dei soci sovventori al fine di recepire nello statuto le nuove disposizioni della normativa di Solvency II, – prosegue Lorenz. – Questa modifica permetterà di migliorare la solidità della Compagnia grazie ai versamenti dei soci sovventori al fondo di garanzia.
«Altra importante modifica riguarda l’introduzione del criterio reputazionale tra i membri del CdA. Il profilo del consigliere sarà così elevato non solo dal punto di vista professionale e di competenza tecnica, ma anche in termini di maggior garanzia.»
Le modifiche votate saranno inoltrate a IVASS per l’approvazione ufficiale e definitiva.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone