Home | Sport | Volley | L'Argentario piegato da Vicenza in quattro set: 3-1

L'Argentario piegato da Vicenza in quattro set: 3-1

L’Argentario VolLei cade a Vicenza: dopo un buon avvio le ospiti si spengono

Dopo la sconfitta con la capolista Martignacco arriva anche quella con Vicenza. Bonafini e compagne, piegate 3-1 (21-25, 25-16, 25-15, 25-18), erano partite con il piede giusto, giocando un’ottima prima frazione.
Il vantaggio ha però pungolato il coach Mariella Cavallaro, che ha dato la scossa alle proprie giocatrici, che a loro volta, complice la debole resistenza dell’Argentario, hanno vinto agevolmente i set successivi e la partita.
La zona play-off dista ora otto punti e, a sette giornate dalla fine del campionato, l’impresa di raggiungerla si fa proibitiva.
Tutto questo, ad ogni modo, non inficia il bellissimo cammino compiuto fino a qui dalle argentelle. Vicenza, che al pari di Martignacco si è dimostrata superiore, raggiunge la decima vittoria consecutiva e la quindicesima in diciannove giornate.
L’Argentario VolLei rimane a 35 punti in attesa del prossimo scontro casalingo con Pisogne.
 
 La cronaca 
Per la trasferta in terra vicentina Moretti sceglie il sestetto tipo: Bonafini in regia, Visintini opposto, Giorgia Mazzon e Pucnik in banda, Alessia Mazzon e Barbazeni al centro, Dorigatti libero.
L’inizio di partita coincide con il momento migliore. Dopo un avvio equilibrato (6-6), l’Argentario acquisisce un buon vantaggio (13-16).
Sul più quattro Cavallaro chiama un time out, ma Bonafini e compagne non sono scompongono e controllano il tentativo di recupero ospite (16-20).
Nel finale le trentine sono brave a spegnere ogni velleità di recupero e chiudere 21-25.
 
Il secondo set è equilibrato solo all’inizio. Le ospiti tengono il passo delle avversarie (5-4), ma poi perdono terreno in pochi minuti (9-4).
Sotto di cinque punti, Maurizio Moretti chiama il time out, ma lo svantaggio non si assottiglia e le ragazze di Cavallaro prendono il largo (15-9).
Il gap, ormai incolmabile, permette a Vicenza di amministrare il punteggio sino al finale 25-16.
 
Cominciato male anche il terzo parziale (5-2), Moretti prova a scuotere le proprie ragazze con una serie di due time out ravvicinati, ma il distacco aumenta (10-3).
Le avversarie, approfittando del black-out trentino, corrono verso la vittoria del set (20-9). Il finale è solo una formalità: 25-15.
 
L’avvio della quarta e decisiva frazione è più equilibrato (5-5). Vicenza, però, motivata dalla timida reazione trentina, spinge sull’acceleratore e in pochi minuti acquisisce un rassicurante vantaggio (13-7).
Bonafini e compagne non mollano e si riportano sotto sino al meno quattro (20-16). Vicenza è brava a controllare il gioco e chiudere set e partita con il punteggio di 25-18.
 
Il tabellino finale mostra come le avversarie siano state superiori in tutti i fondamentali, eccezion fatta per la ricezione (64% contro 65%), ovvero al servizio (5 punti contro 3), in attacco (35% contro 30%) e a muro (8 punti contr o 4).
Da sottolineare è la prestazione di Giulia Visintini, autrice di 18 punti. In doppia cifra anche Giorgia Mazzon (12 punti). Tra le fila avversarie la top scorer è stata Cristina Coppi con 16 punti.
 
 Le dichiarazioni 
Un avvio convincente, poi le ragazze sono calate e Vicenza ha dimostrato sul campo di meritare la terza posizione in classifica.
«Abbiamo giocato – afferma l’allenatore Maurizio Moretti – molto bene il primo set poi la squadra è sparita, come successo in altro occasioni.
«Abbiamo tentato di reagire nella quarta frazione, ma non è stato sufficiente per mettere in difficoltà, in casa propria, un avversario di questa caratura.
«Martignacco e Vicenza hanno dimostrato di avere qualcosa in più in queste due partite.
«Accettiamo i risultati serenamente e lavoreremo con impegno per prepararci ai prossimi impegni.»
 
L’appuntamento successivo è previsto per sabato 17 marzo alle 17,30 con Pisogne al PalaBocchi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone