Home | Arte e Cultura | Spettacoli | Creedence Clearwater Revived feat: una data in più a Brunico

Creedence Clearwater Revived feat: una data in più a Brunico

The legendary Johnny Guitar Williamson in Italia a Maggio nei club e nei teatri: 11.05.2018 Thalguterhaus Lagund, 12.05.2018 Casa Michael Pacher Brunico

image

>
Tutti gli appassionati del rock sanno che i fratelli John e Tom Fogerty fondarono, all'epoca di Woodstock, quella che è stata, a detta di molti, la più grande band americana per quanto riguarda i singoli, i «Creedence Clearwater Revival», uno dei più convincenti rock'n'roll group di ogni genere, la band californiana più rappresentativa della cultura «on the road» degli anni '60 e '70.
E che la band, dopo anni di successi planetari e milioni di dischi venduti, si sciolse malauguratamente a fine anni '70, all'apice del successo, per la separazione artistica dei due fratelli/leader, John e Tom Fogerty.
 
Se John intraprese una luminosa carriera solistica nella musica country (salvo poi tornare, di recente, ai greatest hits) il fratello Tom fu sempre desideroso di far rivivere i suoni con una band che fosse erede dei CCR, ma nel 1990 morì prematuramente, a causa di un male incurabile.
Il desiderio di Tom far rinascere i CCR fu esaudito poco tempo prima della sua scomparsa, con la nascita dei Creedence Clearwater «Revived», sotto la guida del virtuoso chitarrista Johnny Guitar Williamson (già membro dei mitici Titanic di Sultana), che aveva avuto modo di conoscere Tom Fogerty e di coglierne il progetto: l'epico successo della band originaria iniziava ad essere rinvigorito.
 
Ancora oggi, dopo ormai circa trent'anni di tournée, i Creedence Clearwater Revived riescono a portare in giro per il mondo i suoni e le atmosfere dei CCR e negli ultimi anni hanno dato luogo a numerosissimi concerti anche in Europa, entusiasmando ovunque il pubblico accorso (in Germania, Olanda, Danimarca, Finlandia, Svezia, Norvegia, Russia, Rep. Ceca, Polonia, Slovenia, Croazia, Montenegro ed, ovviamente, in Italia).
La formazione, oltre al leggendario Johnny Guitar Williamson (...naturalmente alla chitarra) prevede alla batteria un altro «vecchietto terribile», ovvero il «Santa Claus of Rock and Roll», al secolo Wally Day (batteria), l'eclettico e magnetico Chris Allen al basso e l'under 40 cantante barbuto John W. Doyle, anch'egli virtuoso chitarrista.
 
La band suona tutti i classici: Proud Mary - Bad Moon Rising - Have You Ever Seen the Rain - Green River - Down on the Corner - Lodi - Fortunate Son - Run Through the Jungle - I Put a Spell on You - Susie Q - Who'll Stop the Rain - I Heard It Through the Grapevine - Hey Tonight - Cotton Fields - Long as I Can See the Light - Molina - Tombstone Shadow...
A maggio 2018 arrivano in promo tour nei club e nei teatri in Italia, tra i quali c‘è il Thalguterhaus di Lagundo.
Non ci resta che dire... «Let's rock and roll»!

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone