Home | Economia e Finanza | Cooperazione | Una «Smart community» per la Cooperazione Trentina

Una «Smart community» per la Cooperazione Trentina

Tra gli appuntamenti di Trento Smart City è in programma domenica la presentazione del progetto «Cooperazione Trentina 4.0»

La Cooperazione Trentina sarà presente con propri progetti e proposte a Trento Smart City, in programma dal 12 al 15 aprile in piazza Duomo.
In particolare, il progetto della Federazione intitolato «Cooperazione Trentina 4.0» è stato classificato al primo posto dalla commissione scientifica che ha valutato e selezionato le idee per l’edizione 2018.
Al terzo posto la proposta «Costruire co-abitazione» presentata da Coop Casa, consorzio provinciale delle cooperative di abitazione.
Il progetto «Cooperazione Trentina 4.0» sarà presentato al pubblico di Trento Smart City domenica pomeriggio da Raul Daoli, referente della Federazione per i progetti di sviluppo in ambito cooperativo.
Ha come obiettivo lo sviluppo di una piattaforma collaborativa e rappresenterà l’evoluzione dell’attuale Carta in Cooperazione, che oggi si rivolge ai soci delle Famiglie Cooperative.
 
Il progetto, che è in costruzione, coinvolgerà i soci di tutti i settori della cooperazione trentina e potenzialmente tutte le cooperative, sviluppando in chiave intercooperativa interazioni, collaborazioni, opportunità di beni e servizi.
Il modello è quello della smart community, una rete fatta di nodi e di relazioni, che trova già importanti esempi in città come Londra e Barcellona.
Nei modelli di smart community è incoraggiata e favorita la crescita economica equa e sostenibile e sono supportate le imprese locali.
Le persone e i soggetti economici sono portati a interagire, a creare intrecci, si genera valore per il territorio.
È quello che succede con il progetto etika, che coinvolge Dolomiti Energia, le Casse Rurali, le Famiglie Cooperative, la cooperazione sociale.
 
contratti per le forniture di luce e gas si possono stipulare agli sportelli delle banche cooperative o nei punti vendita della cooperazione di consumo.
Dolomiti Energia si impegna per ogni contratto sottoscritto a destinare una quota per il finanziamento di progetti sociali delle cooperative.
Da questa concatenazione di interessi è la comunità che trae vantaggio, sono i cittadini.
«È il contrario di quello che capita con la sharing economy - spiega Raul Daoli - che incarna un modello “estrattivo” di economia, dove è assente lo spirito comunitario, prevale il lucro, l’interazione è individuale. Amazon, Uber, Airbnb distruggono le relazioni socio economiche locali che poggiano su delicati equilibri, saccheggiano le ricchezze territoriali e le portano via.»
 
Il modello di riferimento della piattaforma cooperativa sarà invece di tipo «generativo»: saprà generare valore sociale e senso del gruppo, avrà prevalenti scopi mutualistici, riconoscerà come prioritari i valori sociali e culturali, favorirà le relazioni con tutto il territorio.
La redistribuzione di valore andrà a beneficio comune e del singolo soggetto in funzione di criteri condivisi.
Ogni soggetto partecipante, sia esso individuo o organizzazione, corrisponderà a un nodo della rete con una propria identità e individualità.
La costruzione di valore comune deriverà dalla contribuzione di ciascuno dei soggetti.
 
La Federazione Trentina della Cooperazione avrà il ruolo di cabina di regia della piattaforma.
Tra i campi interessati dal progetto si pensa ai servizi, al welfare aziendale, ai prodotti a km zero, alla mobilità, al turismo esperienziale.
Entro la fine dell’estate sarà messo a punto il prototipo di piattaforma cooperativa, che sarà perfezionato in funzione delle risposte.
Alla presentazione del progetto «Cooperazione Trentina 4.0», domenica alle 17, alla sala 1 del padiglione di Trento Smart City, oltre a Daoli, interverranno il direttore della Federazione Alessandro Ceschi, Alberto Carli, presidente della cooperativa Computer Learning, Gianni Lodi e Gianluca Cristoforetti, esperti di nuove tecnologie e autori del libro H2H Human revolution, i cui contenuti sono stati applicati come metodologia nella creazione della piattaforma.
 
 Costruire co-abitazione 
A seguire, il programma di Trento Smart City, con inizio alle 17.40, prevede la presentazione a cura di Coop Casa dell’esperienza nata e cresciuta a partire dal 2014 tra gli abitanti di Residenza Oasi, in via Salterio, in località Melta di Gardolo.
In quattro palazzine di 5 piani, con oltre cinquanta alloggi, l'interconnessione unita alla diffusione capillare di dispositivi elettronici è diventata funzionale a processi di informazione e confronto, organizzazione e scambio, in sostanza un abilitatore di processi sociali ed anche economici tra gli abitanti.
Coop Casa, società di consulenza del movimento cooperativo trentino, sta infatti spostando l’attenzione dall’abitazione all’abitare, cioè dall’occuparsi dell’immobile al creare le condizioni affinché le persone che hanno un bisogno abitativo possano non solo disporre di un’abitazione ma anche vivere bene i propri spazi - fisici e non - e quelli comuni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone