Home | Interno | Rovereto | Il Lions Club Rovereto Host incontra i Carabinieri del LASS

Il Lions Club Rovereto Host incontra i Carabinieri del LASS

Il dramma della tossicodipendenza giovanile è stato spiegato dai Carabinieri, coi consigli per prevenire e captare i segnali l’anticamera della tossicodipendenza

image

>
Serata di grande interesse quella proposta ieri, martedì 10 aprile, dal Presidente del Lions Club Rovereto Host avv. Massimiliano Guidi ai propri Soci e ai vari ospiti presenti all’Hotel Rovereto.
Graditi ospiti dell’incontro sono stati il Comandante della Caserma dei Carabinieri di Rovereto Maggiore Massimo Di Lena e il Maresciallo Maggiore del Comando Provinciale dei Carabinieri di Bolzano dr. Luciano Osler, il quale è anche Responsabile del LASS, ovvero del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti di Laives.
Il tema è stato: «Le droghe giovanili». Argomento affrontato con estrema professionalità e sensibilità dai relatori, i quali hanno dipinto con apprezzata chiarezza un quadro puntuale e al tempo stesso molto preoccupante sul rapporto tra i nostri giovani e le molte tipologie di stupefacenti che sono presenti sul «mercato», ahimè anche trentino.
 
Il dramma della tossicodipendenza giovanile è stato spiegato dai due Ufficiali dei Carabinieri, con i consigli per prevenire e intervenire ad uso dei genitori e dei figli e per captare quei segnali che sono l’anticamera della tossicodipendenza.
È questo il tema che è stato al centro dell’attenzione dell’intervento del Maresciallo Maggiore dott. Luciano Osler (nella foto in laboratorio), che si occupa di investigazioni scientifiche presso il LASS (Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti di Laives) e che ha spiegato come percepire i segnali che possono far presagire alla tossicodipendenza.  
 

 
Come fare per capire se i nostri figli si drogano? Quali sono i segnali? Cosa fare poi? A chi rivolgersi? Come comportarsi?
Sono solo alcuni dei quesiti a cui il M.M. Luciano Osler ha risposto puntualmente mostrando anche gli effetti devastanti delle droghe e mostrando le varie differenze fra le droghe circolanti sul nostro territorio.
Secondo l’Osservatorio Provinciale per la Salute il consumo di droga e alcool, nei giovani della popolazione trentina, è da considerare a partire addirittura dagli 11 anni e viene definita come una «emergenza sanitaria». 
 
Dal 2010 al 2017 l’incremento di uso di sostanze psicoattive è aumentato al 29% per ragazzi e ragazze, su una media nazionale del 23%.
Ogni settimana nascono due nuove sostanze stupefacenti. Poi ci sono le droghe sintetiche e quelle tagliate con letame e toner.
È lo spaccato che affiora dalle analisi quotidiane del LASS.
Molte le domande poste dai presenti, in gran parte genitori aventi figli in età adolescenziale.
Molte pure le espressioni di gratitudine e di ammirazione per quanto svolto dall’Arma dei Carabinieri anche in questo delicato capitolo sociale.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone