Home | Interno | Bolzano | I Palombari della Marina Militare alla bonifica del lago di Varna

I Palombari della Marina Militare alla bonifica del lago di Varna

Hanno rimosso 917 pericolosi ordigni esplosivi dal fondo del lago dell'Alto Adige

image

>
Dal 09 al 12 aprile i Palombari della Marina Militare appartenenti al Nucleo S.D.A.I. (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) di Ancona, hanno condotto una delicata operazione subacquea nelle acque del lago di Varna (Bolzano), per rimuovere 917 pericolosi ordigni esplosivi residuati bellici.
L’allarme della Prefettura, scattato dopo una segnalazione di privati cittadini circa la presenza di qualche probabile manufatto esplosivo, ha richiesto un intervento di bonifica d’urgenza che è stato condotto dal Gruppo Operativo Subacquei (G.O.S.) della Marina Militare.
I Palombari si sono immersi per ricercare ed effettuare il riconoscimento degli oggetti segnalati che, trovati in una fascia di fondale compresa tra i 2 e 5 metri, sono stati identificati come ordigni risalenti al primo conflitto mondiale e di provenienza austroungarica.
916 bombe da fucile ed 1 bomba da mortaio sono stati quindi recuperati e passati in consegna agli artificieri del 2° Reggimento Guastatori di Trento della brigata alpina Julia dell’Esercito per provvedere alla distruzione all’interno di una cava.
 
«Sono molto soddisfatto delle operazioni subacquee che abbiamo condotto nel lago di Varna negli ultimi anni» - ha dichiarato il Maresciallo Palombaro Augusto Mormile del Nucleo S.D.A.I. di Ancona che ha inoltre puntualizzato - «Questo è il quarto interveniamo effettuato per ricercare e recuperare questi pericolosi ordigni esplosivi. Dall’anno scorso abbiamo trascorso 15 giorni di lavoro in queste acque che ci hanno permesso di rimuove in totale di 2.894 bombe da fucile che contenevano ciascuna circa 700 grammi di esplosivo. In particolare, durante quest’ultima settimana, abbiamo operato in condizioni molto difficili: la visibilità subacquea inferiore al metro e la temperatura dell’acqua di 7 C° ci hanno messo davvero alla prova, ma il nostro addestramento ci ha comunque consentito di portare a termine quanto richiesto dalla Prefettura.»
 

 
Questi interventi rappresentano una delle tante attività che i Reparti Subacquei della Marina conducono a salvaguardia della pubblica incolumità, svolti anche nelle acque interne, come ribadito dal Decreto del Ministero della Difesa del 28 febbraio 2017, svolgendo operazioni subacquee ad alto rischio volte a ripristinare le condizioni di sicurezza della balneabilità e della navigazione.
Lo scorso anno i Palombari della Marina Militare hanno recuperato e distrutto un totale di 22.000 ordigni esplosivi residuati bellici, mentre dal 1 gennaio 2018 ne hanno già neutralizzati 3.031 dai mari, fiumi e laghi italiani, senza contare i 10.068 proiettili di calibro inferiore ai 12,7 mm anch’essi rimossi e distrutti.
 
Con una storia di 169 anni alle spalle, i Palombari rappresentano l’eccellenza nazionale nell’ambito delle attività subacquee essendo in grado di condurre immersioni lavorative fino a 1.500 metri di profondità ed in qualsiasi scenario operativo, nell’ambito dei propri compiti d’istituto (soccorso agli equipaggi dei sommergibili in difficoltà e la neutralizzazione degli ordigni esplosivi rinvenuti in contesti marittimi) ed a favore della collettività.
Per queste peculiarità gli operatori subacquei delle altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato possono essere formarti esclusivamente dal Gruppo Scuole di Comsubin che, attraverso dedicati percorsi formativi, li abilita a condurre immersioni in basso fondale secondo le rispettive competenze. 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone