Home | Interno | Bolzano | Questura di Bolzano: espulsi sei cittadini stranieri

Questura di Bolzano: espulsi sei cittadini stranieri

Tra gli irregolari accompagnati, tutti gravati da numerosi precedenti, erano presenti soggetti ben noti alle cronache locali

image

>
Nella giornata di ieri, è stato eseguito dagli agenti della Questura di Bolzano un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto dei reati predatori, a seguito del quale sono state espulse sei tra le numerose persone sottoposte ad identificazione.
L’attività, pianificata da tempo dal Questore Racca, si è svolta già nelle prime ore della mattinata e si è concentrata nelle zone cittadine dove sono stati commessi gran parte dei reati di furto e spaccio di stupefacenti.
Sono stati accompagnati in Questura dieci soggetti di origine straniera per verificare la loro posizione sul territorio nazionale.
Per cinque di loro, due algerini, due tunisini e un nigeriano, all’esito degli accertamenti, è stata disposta, su ordine del Questore di Bolzano, l’espulsione immediata con traduzione al C.P.R. (Centro per il Rimpatrio) di Torino.
Tra gli irregolari accompagnati, tutti gravati da numerosi precedenti, erano presenti soggetti ben noti alle cronache locali.
 
Uno dei tunisini, ventunenne, responsabile di molteplici reati contro il patrimonio, aveva commesso in data 22 aprile 2018 una rapina ai danni di un turista tedesco nei pressi del Teatro Verdi di Bolzano.
Il giovane germanico era stato soccorso da una volante la quale, transitando lì vicino, lo aveva notato a torso nudo al centro della strada intento a sbracciarsi vistosamente.
Successivamente la Polizia risaliva alla identità dell’autore attraverso la visione dell’impianto di videosorveglianza del Teatro.
I due algerini, invece, erano soliti creare scompiglio in zona Centro.
Uno di essi, con precedenti per possesso di armi e resistenza a pubblico ufficiale, esasperava quotidianamente i commercianti di via Portici, in quanto molesto e aggressivo.


 
Costui più volte era stato segnalato dagli esercenti perché ostacolava l’ingresso dei negozi agli utenti con fare minaccioso e proferendo frasi sconnesse in lingua araba.
Il suo fare aggressivo lo aveva già portato in carcere per aver aggredito violentemente gli Agenti intenti a controllarne l’identità.
Inoltre, circolava per le vie del centro città con un carrellino colmo di oggetti e vestiti, rendendo difficoltoso il transito ai pedoni lungo i marciapiedi.
L’altro algerino, dedito alla commissione di reati violenti e contro il patrimonio, era stato protagonista, meno di un mese fa, di una feroce lite tra stranieri in un bar via Renon.
In quell’occasione, più Volanti erano intervenute su richiesta del titolare del locale, in quanto nella colluttazione erano stati branditi oggetti atti a offendere, provocando ferite ai danni di tre persone.
 
Il nigeriano, irregolare sul territorio dello Stato e gravato da numerosi precedenti per violenza contro pubblico ufficiale, furti e truffe, veniva accompagnato presso la Questura dai Carabinieri per essere sottoposto ad accertamenti finalizzati all’espulsione.
Costui era stato protagonista poche ore prima di una resistenza ai danni di un controllore su un mezzo pubblico locale.
Infine, un sesto straniero di origine marocchina è stato rimpatriato, mediante scorta internazionale fino a Casablanca, a seguito di condanna all’espulsione quale misura alternativa alla detenzione.
Lo stesso era dedito a delinquere nella realtà locale e aveva un gran numero di precedenti per condotte violente, per possesso di armi e per svariate rapine e furti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone