Home | Interno | Ambiente | Il lungo volo di Lillo, aquila di Bonelli salvata dal WWF

Il lungo volo di Lillo, aquila di Bonelli salvata dal WWF

Nel primo mese oltre 700 km. di volo per il rapace liberato lo scorso 22 marzo in Sicilia

image

>
Lillo è l’aquila di Bonelli che il 22 marzo scorso è tornata a volare, libera, nei cieli della Sicilia.
Il rapace, a causa delle lesioni traumatiche procurate da un bracconiere, aveva trascorso 18 mesi, tra interventi chirurgici e cure riabilitative, inizialmente presso il Centro di recupero CTS di Cattolica Eraclea (AG) e poi presso il Centro Regionale di Recupero Fauna Selvatica LIPU di Ficuzza (PA), dopo essere stata recuperata a Licata dagli attivisti del WWF, alla fine di settembre 2016.
Data la gravità delle ferite subite a causa della fucilata, inizialmente si riteneva quasi impossibile il suo ritorno in natura.
Il giorno prima della sua liberazione, Lillo era stato dotato di un trasmettitore GPS/GSM satellitare applicato da uno dei maggiori esperti europei impegnati in questo tipo di operazioni.
 
Dal momento del rilascio la sua attività è stata quotidianamente registrata e monitorata dai ricercatori incaricati dal WWF Italia, nell’ambito del progetto LIFE ConRaSi. I dati ricevuti, oltre a fornire informazioni significative sulle abitudini e preferenze di questa specie in Sicilia permettono, in caso di problemi, di recuperare tempestivamente l’animale.
Massimiliano Di Vittorio (Ecologia Applicata Italia), che da anni monitora e studia la popolazione di Aquila di Bonelli in Sicilia, analizzando i dati trasmessi dall’aquila dice: «Lillo in un mese ha coperto in volo una distanza superiore a 700 chilometri spingendosi oltre i 2.000 metri di altitudine, frequentando i territori delle province di Caltanissetta, Catania, Enna, Palermo e Agrigento.
«È un giovane molto attivo, come dimostrato dalla sua capacità di spostamento e dalla perlustrazione di un vasto territorio.
«I dati provenienti dalla telemetria satellitare confermano che l’animale è in ottima forma e che il lavoro svolto dai veterinari dei Centri di Recupero Fauna Selvatica siciliani ha prodotto un risultato eccellente.»
 
In Italia l’aquila di Bonelli si riproduce solo in Sicilia. Qui si concentra il 100% (circa 40) delle coppie riproduttive.
Per Antonio Pollutri e Gianluca Catullo (WWF Italia), rispettivamente responsabile e project manager del progetto LIFE ConRaSi la Sicilia, custodisce innumerevoli unicità e rarità zoologiche, botaniche, ecologiche. Lo sforzo necessario per conservare questo patrimonio è notevole, ma non impossibile.
Progetti come il LIFE ConRaSi, grazie anche al fondamentale sostegno dell’Unione Europea, rappresentano uno degli strumenti con il quale migliorare la situazione delle popolazioni di animali simbolo della Sicilia quali il capovaccaio, falco lanario e aquila di Bonelli.
 
Intanto la gara di solidarietà per aiutare le specie più a rischio e chi le difende, lanciata dal WWF, è entrata nella seconda settimana.
Si può aderire alla Campagna «SOS Animali in trappola» con una donazione (attraverso un SMS o una telefonata) al numero solidale 45590* attivo fino al 20 maggio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone